Villari in aula, poi il rinvio alle 9 di giovedì. Tutte le sentenze il 17 agosto

L'avvocato Villari ed il suo assistente LeoL'avvocato Giovanni Villari ed il suo assistente Alberto Leo hanno curato il ricorso appena presentato al Coni

In mattinata era filtrata la notizia che il dibattimento relativo all’inchiesta “Dirty Soccer” della Procura di Catanzaro sarebbe slittato direttamente a domani ma alla fine il collegio del Tribunale Federale Nazionale ha deciso di procedere comunque all’appello dei soggetti deferiti e delle relative società coinvolte. Il proseguimento dell’udienza sarà rinviato a giovedì mattina ma in questa fase dovrebbe comunque essere deciso quali società terze interessate (e tra queste vi è l’ACR) saranno ufficialmente ammesse all’udienza.

La facciata dell'NH Vittorio Veneto

La facciata dell’NH Vittorio Veneto. Si decide qui il futuro del Messina

Il Messina è rappresentato in aula dall’avvocato Giovanni Villari e dal suo assistente Alberto Leo. Nessun dirigente presente invece per il Barletta. L’ufficio stampa della FIGC intanto ha comunicato intanto che tutte le sentenze – da quella che riguarda il Catania a quelle che interessano Savona e Teramo (protagoniste di un’accesa udienza in mattinata) e la Vigor Lamezia (presente all’NH Vittorio Veneto il direttore sportivo Fabrizio Maglia, uno dei principali imputati) verranno emesse soltanto il 17 agosto. Un ulteriore rinvio quindi rispetto a quanto immaginato nelle scorse ore.

L'ingresso in aula di vari tesserati ed avvocati. Tra loro anche il ds della Vigor Fabrizio Maglia

L’ingresso in aula di vari tesserati ed avvocati. Tra loro anche il ds della Vigor Fabrizio Maglia

Subito un altro colpo di scena: il Pisa contesta la mancata notifica della convocazione in aula e dell’avviso di chiusura indagine. Sembra che a pesare sia stato il fatto che gli inquirenti erano in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificato difforme da quello reale. La posizione del club potrebbe essere stralciata. Subito un paradosso quindi in avvio di udienza. Una fattispecie contestata dal Procuratore Federale Stefano Palazzi, secondo il quale la società toscana sarebbe stata comunque sufficientemente allertata e che in un dibattimento di queste dimensioni sia un particolare risibile se un club ha ricevuto gli atti per posta ordinaria e non per pec.

Uno dei tesserini che consente l'accesso nella sala del dibattimento

Uno dei tesserini che consente l’accesso nella sala del dibattimento

Secondo gli addetti ai lavori intanto il rinvio delle sentenze di primo grado al 17 agosto stravolgerà anche la compilazione dei calendari, fissata per il 25 (nel caso della serie B) e per il 27 (per la Lega Pro). Si ipotizza la presenza in calendario di alcune “ics“, in riferimento alle posizioni delle squadre coinvolte nel processo. Ancora un colpo di scena! Uno dei legali in aula sarebbe privo di una nomina formale da parte del suo assistito. E divampa la polemica sull’annunciato rinvio dell’udienza alla giornata di domani.

E dopo gli errori di notifica e le mancate nomine arrivano le lamentele di alcuni avvocati che dichiarano di non potere essere presenti domani in aula, anche per via del periodo festivo! Eloquente in proposito il commento del presidente Fabio Artico, che non nasconde tutto il suo disappunto: “Se continuiamo così le sentenze non saranno rinviate a dopo Ferragosto ma slitteranno a dopo Natale…”. Un teatrino sconcertante…

La sala stampa dalla quale i giornalisti seguono le varie fasi del processo sul calcioscommesse

La sala stampa dalla quale i giornalisti seguono le varie fasi del processo sul calcioscommesse

Alle 17 viene interrotto il collegamento audio-video tra la sala stampa “Puccini” e l’aula dei dibattimenti. Un po’ di quiete dopo un pomeriggio convulso. La Corte si è ritirata per decidere su alcune eccezioni: nulla di rilevante. Non si è andati insomma al di là dell’appello, al quale il Messina ha risposto presente. Alle 17:34 viene annunciato il rinvio dell’udienza alle ore 9 di giovedì mattina. Chiede di parlare l’avvocato di Felice Bellini, consulente marketing della Vigor Lamezia, attualmente sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune catanzarese di Chiaravalle: presenterà una memoria difensiva scritta nell’interesse del suo assistito. I lavori si concludono alle 17:40. In aula tornano i tesserati di Savona e Teramo e delle quattro società contro-interessate (Forlì, Ascoli, San Marino e Gubbio).

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva