Vi presentiamo la Casertana: la sorpresa del torneo ora è in flessione

I tifosi della CasertanaI tifosi della Casertana

È probabilmente la sorpresa del girone di andata la Casertana che lunedì sera proverà a battere il Messina per tornare in vetta, considerata la nuova affermazione del Foggia nell’anticipo con il Martina. Partita per centrare la salvezza, la formazione rossoblù si è ritrovata ben presto a duellare con le big per un posto al sole in classifica.

Il tecnico Nicola Romaniello e l'ex Sasà D'Alterio

Il tecnico Nicola Romaniello e l’ex Sasà D’Alterio

In estate il passaggio di consegne tra i presidenti Lombardi e Corvino con grande scetticismo della piazza. Una campagna acquisti non esaltante fino a quando non sono arrivati i vari Agyei, Alfageme, Negro e Pezzella, che hanno innalzato il tasso tecnico. I primi due sono stati prelevati dal Benevento, reduce dall’ennesimo assalto mancato alla B, mentre gli altri dalla Salernitana, con cui si era messo in luce soprattutto Negro, autore di ben 10 reti nell’ultimo torneo di Lega Pro.

Al resto ci ha pensato il debuttante Nicola Romaniello, uno dei tecnici più giovani della categoria. Tanto lavoro, poche parole ed idee innovative. Ha avuto la capacità di cambiare modulo ad una settimana dal via passando dal 4-3-3 a quel 3-5-2 che ha permesso ai campani di rimanere in testa praticamente dalla prima giornata. I successi di Castellammare, in casa con il Catania ed il Benevento ed il 4-0 di Agrigento hanno fatto volare De Angelis e compagni fino al +7 sulle inseguitrici. L’obiettivo ufficialmente resta la salvezza, ma è chiaro che con gli attuali 30 punti è quasi centrato e l’asticella sarà comunque alzata dopo questa positiva prima metà di stagione.

Alfageme è passato in estate dal Benevento alla Casertana

Alfageme è passato in estate dal Benevento alla Casertana

Nelle ultime quattro gare tra campionato e Coppa Italia sono arrivate tre sconfitte (a Foggia, Andria e Teramo), che hanno raffreddato l’entusiasmo della piazza. Nonostante una prevendita poco esaltante, lunedì sera però si prevede una buona cornice di pubblico per salutare degnamente questo primo scorcio di campionato e provare a tornare al comando.

Contro i peloritani non ci saranno i riconfermati Murolo, Diakitè e Mancosu ed il già citato Agyei. Probabile quindi qualche cambio tattico, con la proposizione di un inedito 3-4-1-2. Spazio anche all’ex D’Alterio ed all’ex mamertino Mangiacasale, volto noto a queste latitudini in virtù dell’esperienza nella formazione allestita da Lo Monaco e Ferrigno.

Negro è stato prelevato dalla Salernitana, dove è stato tra i protagonisti della promozione

Negro è stato prelevato dalla Salernitana, dove è stato tra i protagonisti della promozione

Questa la probabile formazione (3-4-1-2): Gragnaniello; Rainone, Idda, D’Alterio; Mangiacasale, De Marco, Capodaglio, Tito; Negro, Alfageme, De Angelis.

Presentazione a cura di Armando Serpe di SportCasertano.it. Come ogni settimana un collega ci presenta il prossimo avversario del Messina.

Commenta su Facebook

commenti