Venezia allunga nella ripresa. L’Orlandina non passa al Taliercio nell’ultima uscita stagionale

Viggiano

L’Upea Capo d’Orlando esce sconfitta (90-67) al Taliercio di Mestre dalla Reyer Venezia. I ragazzi di coach Giulio Griccioli hanno tenuto testa alla seconda forza del campionato in casa loro per larghi tratti della gara, ma poi nel finale è venuto il fuori il talento dei veneziani. L’Orlandina saluta purtroppo con una sconfitta la Serie A Beko 2014/15, dopo un anno che definire positivo sarebbe riduttivo. Obiettivo salvezza raggiunto in ampio anticipo, tante le vittorie in casa e tantissime le occasioni in cui la passione degli appassionati orlandini per la propria squadra e la pallacanestro in generale si è resa evidente in maniera forte. Appuntamento alla prossima stagione per le gare ufficiali, certi che l’amore dei tifosi paladini non mancherà mai.
La cronaca: Inzia la gara nel segno di Dario Hunt che prima corregge il lay-up di Campbell e poi conquista il rimbalzo e realizza da sotto (2-4 dopo 2’). Nicevic sena su assist di Pecile, poi è lo stesso playmaker triestino a scuotere la retina dall’arco. Tripla di Sek Henry e Orlandina avanti 6-12 dopo 3’30’’. Reazione dei padroni casa che con un po’ di fortuna dopo la stoppata di Hunt su Viggiano si ritrovano la palla in mano e con Peric dai 6.75 torna sul -1 (11-12). Ancora Henry dall’arco, Folarin Campbell sulla sirena dei 24’’ alza la parabola in corsa e tiene avanti Capo d’Orlando nonostante la tripla di Goss (14-17 all’ottavo). Sulejmanovic da sotto e Dulkys dalla lunga distanza chiudono il primo quarto (19-20).

Goss al tiro

Goss al tiro

Nel secondo quarto McGee dalla media, Goss da tre, alto basso Di Nicevic con Sulejmanovic, Goss serve un assist al bacio per Ress ed è ancora parità (24-24). I padroni di casa passano in vantaggio con la tripla di Nelson al 13esimo (27-24). Due canestri dalla media del solito elegantissimo Sandro Nicevic e controsorpasso Upea (27-28). Il ritmo della gara è adesso molto alto, a Jackson risponde McGee da 3 ed è parità al 16esimo (32-32). Break 11-2 per la squadra allenata da coach Recalcati che al 19esimo va sul +9 (43-34). Prima della pausa lunga realizza sotto Sek Henry e il parziale alla fine del primo tempo è 43-36.
Al rientro sul parquet dopo l’intervallo l’Upea è rabbiosa, così dopo il canestro di Jackson, arriva la schiacciata di Hunt e l’and 1 concretizzato da Sek Henry che vola in doppia cifra (45-41 al 22esimo). Campbell trova sotto il ferro ancora Henry che realizza (47-43). Goss realizza dall’arco subendo il fallo e realizzando anche il libero aggiuntivo, ma l’Orlandina non molla: Basile serve Campbell eludendo la zone press veneziana e dai 6.75 non perdona (51-56). Ancora Goss a segno da 3, canestro e fallo, con libero a segno di Dario Hunt, Henry semina il panico tra le canotte orogranata e l’Upea è sale fino al -3 (54-51 al 25esimo). Qualche palla persa di troppo, Venezia ne approfitta e al 27esimo è 60-51. Henry serve Hunt per il canestro da sotto, ma Viggiano e Nelson continuano a bombardare il canestro paladino al 67-54 al 29esimo. Hunt schiaccia nuovamente su assist stavolta di Campbell, ma alla sirena del terzo quarto i siciliani sono sotto 71-55.

Venezia in attacco

Venezia in attacco

Negli ultimi dieci minuti i padroni di casa dilagano e legittimano la seconda piazza in campionato. High scorer del match per l’Orlandina Sek Henry con 16 punti, Dario Hunt ha chiuso l’anno con una doppia doppia (14 punti e 14 rimbalzi), in doppia cifra anche Nicevic (10 punti). Appuntamento alla prossima stagione per l’Orlandina, un’altra nel magnifico Eldorado della massima serie.

Umana Reyer Venezia – Upea Capo d’Orlando 90-67
Parziali: 19-20; 43-36; 71-55
Venezia: Jackson 7, Goss 17, Stone 6, Ruzzier, Viggiano 16, Peric 13, Ortner 3, Nelson 14, Ress 4, Dulkys 10, Ceron, Visconti. All: C. Recalcati
Capo d’Orlando: Hunt 14, Basile, Soragna 4, Nicevic 10, Pecile 3, Karavdic, Henry 16, McGee 5, Sulejmanovic 5, Bianconi 1, Campbell 9. All. G. Griccioli.

Commenta su Facebook

commenti