Venetico, da lunedì 25 si riparte con il riconfermato mister Ciccio Mangano

Ciccio ManganoFrancesco Mangano

Si avvicina l’ora del raduno anche per il Venetico: la società tirrenica si ritroverà nel pomeriggio di lunedì prossimo, alle 17, sul campo di casa per iniziare gli allenamenti im vista del torneo di Prima Categoria (è ancora da decidere l’eventuale partecipazione alla Coppa Sicilia). La dirigenza si è ristretta a sole 3 persone (presidente Tindaro Mandanici, vicepresidente il fratello Paolo ex timoniere del Valle del Mela da cui proviene anche il direttore sportivo Franco Filoramo) intenzionate però ad assicurare stabilità. Per quanto riguarda la conduzione tecnica, il trio societario ha deciso all’unanimità di rinnovare la fiducia al giovane allenatore messinese Ciccio Mangano, classe ’71, reduce da un’ottima salvezza al termine di un’annata societaria a dir poco travagliata che l’aveva visto iniziare in panca, per poi essere rimosso salvo essere richiamato nel finale per salvare “capre e cavoli”.

L'attaccante Lo Monaco

L’attaccante Lo Monaco

E il buon Ciccio, malgrado fosse all’esordio assoluto da “mister”, è riuscito nell’impresa di evitare la retrocessione facendo leva sulla serietà e lo spirito di gruppo dei giocatori. Ossia gli stessi valori che ne hanno contraddistinto la pluridecennale carriera da difensore, arcigno ma corretto e benvoluto anche da dagli avversari. Di conseguenza, il minimo che Mangano potesse fare era riconfermare l’ossatura della squadra. “Nello scorso torneo siamo riusciti a fare qualcosa di veramente buono – esordisce -. Tutto merito di ragazzi come Oteri (il portiere in predicato sino a qualche giorno fa di andare al Pistunina, ndr), Mezzatesta, La Macchia, Bitto, Inferrera, Lo Monaco autore di 10 reti nel periodo in cui sono rientrato a Venetico, Cambrìa e il giovane ma promettente Mandanici (classe ’94) intenzionato a rimanere con noi pur essendo richiesto dall’Igea”.
I vostri obiettivi di squadra per la stagione 2014/15?
La dirigenza ci ha chiesto un campionato tranquillo, innestando qualche pedina di qualità all’attuale telaio di squadra. Sono in corso trattative con elementi di categoria superiore, per cui ne sapremo di più tra qualche giorno”.
E dal punto di vista personale cosa si aspetta?
Per me sarà una stagione decisiva: già quest’estate mi era pervenuta qualche richiesta di Eccellenza ma, vista l’incertezza societaria regnante nella società che mi ha chiamato, non me la sono sentita di “bruciarmi”. Ho preferito quindi continuare a lavorare in ambiente societario e in un gruppo di squadra – come quelli di Venetico – sani e a me abbastanza familiari”.

The following two tabs change content below.
Redazione Messina Sportiva

Redazione Messina Sportiva

Commenta su Facebook

commenti