Una Nebros rimaneggiata non punge in attacco. Punti salvezza per il Mazzarrone

NebrosAncione gestisce un possesso (foto Calogero Germanà)

Il Mazzarrone del nuovo direttore sportivo Cesare Sorbo conferma di attraversare un ottimo momento di forma, centrando il terzo risultato utile consecutivo e agganciando così la zona salvezza diretta. Gli etnei battono in casa col punteggio di 2-0 una rimaneggiata Nebros (cinque assenze, su tutti il fromboliere Carrello), al secondo ko di fila dopo quello interno con il Taormina. Partita condizionata, al “Russo”, dalle avverse condizioni meteo, con un forte vento che ha complicato la vita ai calciatori.

Nebros

Fioretti anticipa il suo marcatore (foto Calogero Germanà)

Primo tempo combattuto ed equilibrato con alcune opportunità non concretizzate su entrambi i fronti. In avvio di ripresa non vi è quasi il tempo di far scattare il cronometro, che i locali passano in vantaggio grazie al gol messo a segno da Lorenzoni con un preciso diagonale al termine di un’azione personale. Gli ospiti provano a reagire, ma il loro continuato possesso palla risulta sterile e inoffensivo per la retroguardia di casa: infatti il portiere Fagone non viene mai seriamente impensierito. Nonostante l’espulsione di Kieling a venti minuti dalla fine i locali trovano anche la forza di raddoppiare in contropiede col neo entrato Signatè, rete che chiude di fatto la contesa, aumentando il rammarico dei ragazzi di Perdicucci.

Mazzarrone-Nebros 2-0
Marcatori: 1’ st Lorenzoni; 49’ st Signate.
Mazzarrone: Fagone, Gravina (38’ st Buscetta), Bellomo (44’ st Ropaj), Puglisi, Campanella, Kieling, Senè (35’ st Di Pasquale), Tomarchio, Lorenzoni (23’ st st Signatè), Bah, Lo Giudice (38’ st Dieme). All. Costanzo.
Nebros: Paterniti, Monaco (15’ st Sammoudi), Terranova, Gatto, Cassaro, Sciotto, Ricciardello (15’ st Camarà), Giaimo, Fioretti, Ancione, Pontini. All. Perdicucci.
Arbitro: Dangelli di Brescia.
Note: espulso al 25’ st Kieling.

Autori

+ posts
The following two tabs change content below.