Tavares come Ferreira: un gol al debutto per accendere l’entusiasmo

Tavares celebra la sua prima marcatura in giallorossoTavares celebra la sua prima marcatura in giallorosso

La copertina è tutta per lui e non potrebbe essere altrimenti perché il calcio sa regalare anche queste storie. Piombato direttamente in ritiro a Monopoli, dove ha conosciuto i nuovi compagni, Diogo Tavares è diventato l’assoluto protagonista dell’esordio stagionale del Messina. In poco più di 30’, sostituendo Salvemini, l’attaccante portoghese ha subito lasciato il segno, senza aver praticamente svolto alcun allenamento con la squadra. Il suo colpo di testa, al 2’ di recupero, ha consentito ai giallorossi di strappare un pari meritato al “Veneziani”. Un sospiro di sollievo, per la sconfitta evitata in inferiorità numerica, e in più la sensazione di aver piazzato un colpo importante di mercato. In estate Tavares era stato a lungo inseguito dal Piacenza prima di trovare l’accordo con la società di Stracuzzi.

Pedro Miguel Costa Ferreira, a segno nel 2012 al debutto a Noto

Pedro Miguel Costa Ferreira, a segno nel 2012 al debutto a Noto

“E’ arrivato dal Portogallo e l’ho buttato nella mischia senza che si fosse mai allenato prima con i nuovi compagni. Sabato sera era ancora in aeroporto e ci ha raggiunto direttamente in ritiro, ma avevamo la necessità di avere uno di peso davanti e quindi…” ha candidamente ammesso Arturo Di Napoli al termine del match in terra pugliese. L’esigenza di mettere a disposizione del tecnico un importante terminale offensivo ha fatto accelerare i tempi per il tesseramento. Il debutto da sogno di Tavares riporta alla mente quanto avvenuto il 9 settembre 2012. Al “Palatucci” di Noto, nella seconda giornata di Serie D, il portoghese Pedro Miguel Costa Ferreira, appena ingaggiato, subentrò a Maiorano nel corso della ripresa. Gli bastarono 20’ per firmare con una conclusione mancina la rete del definitivo 1-2, proprio al 90’. Il giocatore oggi in forza alla Virtus Entella riuscì anche a concedere il bis una settimana più tardi, decidendo allo scadere (94’) la sfida con l’Agropoli, grazie ad un colpo di testa sottomisura su cross di Corona.

Festa grande per il Messina ed i suoi sostenitori dopo la rete decisiva di Tavares in pieno recupero

Festa grande per il Messina ed i suoi sostenitori dopo la rete decisiva di Tavares in pieno recupero

Ad accomunarli non solo la nazionalità (Ferreira è nato a Oporto, mentre Tavares a Lisbona) e la vetrina da “uomini della provvidenza”, ma anche la provenienza dall’Ancona. Tutte analogie non da poco. In tema di stranieri accadde anche a Daniel Prodan, in tempi meno recenti, di “bagnare” con un gol il suo debutto in giallorosso. Il difensore rumeno, acquistato nel mercato di gennaio del 2002 insieme a Grabbi, realizzò il 2-2 per la squadra di Arrigoni sul campo del Vicenza. Furono, però, appena 285 i minuti disputati da Prodan in quella stagione. Tavares, sulle orme di Ferreira, vuole invece portare in alto il Messina. L’uno in riva allo Stretto è letteralmente esploso, l’altro punta adesso a rilanciarsi.

Commenta su Facebook

commenti