Taormina, Coppa: “Bilancio positivo. Orgogliosi dei risultati, è solo l’inizio”

Città di TaorminaCannavò celebra una delle sue reti con il Taormina

Il Città di Taormina ha chiuso il 2022 al secondo posto in classifica e la sua avventura in Coppa Italia in semifinale, contro la Nuova Igea Virtus che è anche capolista in campionato. Evidente la crescita rispetto al passato torneo.

Città di Taormina

Il tecnico Marco Coppa a colloquio con Santino Biondo

Il tecnico Marco Coppa è soddisfatto: “Negli spogliatoi ho detto ai ragazzi che devono trascorrere le vacanze nel modo più sereno possibile con le loro famiglie. Se pensiamo al nostro cammino fino ad oggi devono essere felicissimi ed orgogliosi di quanto stiamo facendo e sempre più consapevoli della loro forza. Sono contento della mia squadra e convinto che possiamo fare ancora meglio”.

Un concetto ribadito ai microfoni dell’ufficio stampa: “Il nostro bilancio è lampante: anche gli addetti ai lavori riconoscono che stiamo facendo grandi cose, ma non vogliamo che qualcuno ci ripeta quanto siamo bravi. Non lavoriamo per gli altri ma per noi stessi. Quando sei sicuro del tuo lavoro non ti intessano neppure le considerazioni esterne. Dovrà arrivare quello che ci aspettiamo da questa stagione”.

Città di Taormina

L’attaccante del Taormina Charlie Famà sul fondo polveroso

L’epilogo del 2022 è stato però amaro, con l’eliminazione subita in Coppa Italia, dopo un arbitraggio contestato a gran voce dal Taormina e da Coppa, espulso subito dopo il fischio d’inizio: “Mi dispiace dovere parlare di queste cose ma è inevitabile. Dopo neanche un minuto ero già in tribuna a guardarmi la partita. Siamo stati tutti spettatori. Una direzione arbitrale che è andata oltre ogni limite e immaginazione”. 

Il tecnico è paradossalmente confortato dall’ultima sconfitta con l’Igea: “Non voglio parlare male degli avversari ma in campo ho visto soltanto il Taormina. Non siamo mai andati in difficoltà. Abbiamo cambiato sistema di gioco dopo averlo provato pochissimo e per questo sono felice della disponibilità dei ragazzi e della loro capacità di apprendimento”.

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma. Nel 2022 l'ingresso nel mondo dell'istruzione, a Siena.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma. Nel 2022 l'ingresso nel mondo dell'istruzione, a Siena.