https://facebook.openinapp.co/dedomenicofranco

https://facebook.openinapp.co/dedomenicofranco

Sul difficile campo di Palmi quarta vittoria di fila per l’Akademia Sant’Anna

Akademia Sant'AnnaIl gruppo dell'Akademia Sant'Anna al completo

Al termine di un match tiratissimo e spigoloso arriva l’ennesima prova di forza della Sanitaria Sicom Akademia Sant’Anna, che supera per 3-0 a domicilio la Desi Volley Palmi e raggiunge il quarto successo di fila. Altro match importante da parte del club di Fabrizio Costantino contro un avversario che ha fatto sudare le proverbiali sette camicie alle messinesi. Per la truppa di coach Gagliardi arrivano punti pesanti per la classifica ma anche per il morale, soprattutto per il modo con il quale sono arrivati, dimostrando il grande carattere di questa squadra, capace di compattarsi e reagire anche nei momenti meno semplici del match.

Akademia Sant'Anna

L’Akademia Sant’Anna durante il riscaldamento

La Sicom porta a casa una vittoria tutt’altro che scontata, di fronte ad un pubblico caldissimo e contro un Palmi sceso in campo con le intenzioni rendere la vita difficile alle ospiti. Ne viene fuori un match combattutissimo, con le messinesi abili a mantenere i nervi saldi ed a piazzare punti pesanti nei momenti decisivi, aspettando con pazienza e colpendo le avversarie sul finire dei diversi set. Determinante soprattutto la reazione del terzo parziale, quando l’Akademia si trova sotto di quattro ma, prima piazza una rimonta spettacolare, poi sorpassa e affossa le padrone di casa, portando a casa l’intera posta in palio. Prima dell’inizio del match è stato osservato un minuto di silenzio per ricordare le vittime del conflitto in Ucraina e per riflettere sul valore fondamentale della pace.

Consueto sestetto di partenza per l’Akademia Sant’Anna, che schiera sulla diagonale palleggiatore – opposto Muzi – Varaldo, schiacciatori Martilotti e Liguori, centrali Composto e Cardoni, libero Pisano. Palmi risponde con al palleggio Surace ed opposta Mancuso, schiacciato Giometti e Isgrò, centrali Andeng Okomo e Mearini, libero Ciancio.

Akademia Sant'Anna

Barbara Varaldo prova a superare il muro avversario (foto Marco Familiari)

Pronti via ed è subito grande battaglia sul campo: le ospiti si mettono con la testa avanti ma la squadra di casa, grazie ad una difesa attentissima che annulla diversi attacchi “pesanti” alle avversarie, riesce a non far scappare le messinesi e, oltre ad affiancarle nel punteggio, a trovare anche il sorpasso per una breve fase del match. Il vantaggio di Palmi, però, dura poco: la reazione delle ragazze allenate da Nino Gagliardi è immediata e porta ad un nuovo equilibrio. Man mano che scorrono i minuti e permane la parità nel punteggio il match si accende, complice anche il tifo “caldissimo” della squadra di casa, e scivola via su continui sorpassi e controsorpassi tra le due squadre. Barbara Varaldo nella seconda parte del set piazza l’ace che vale il 18-17 ma arriva sempre pronta la risposta delle padrone di casa, decise a non cedere alle avversarie questo primo parziale di gioco. Sul 19-18 Gagliardi tenta la carta al servizio con Elisa Maria Garofalo, ma la battuta si infrange sulla rete per il nuovo pari. Poco male, però, perché poco dopo Akademia trova un mini break importante e scappa su un importante +2 (21-19) che costringe coach Camiolo a spendere il time out. Il risultato è quello sperato e Palmi si riporta sotto. Ma la Sicom riesce a ricacciare indietro le padrone di casa e, questa volta, a trovare il muro che vale il 23-20. Il coach di casa tenta di nuovo la carta time-out e come nel caso precedente Palmi torna in campo trovando il punto che interrompe il break. Messina, però, rimette subito la palla a terra dall’altro lato del campo e, con un ace a fil di linea (contestato dal pubblico di casa), trova il punto che vale il primo set (25-21 per Akademia).

Akademia Sant'Anna

La centrale Ambra Composto indica uno schema sotto rete (foto Marco Familiari)

Secondo parziale fotocopia del primo. Al rientro in campo giocate a viso aperto da parte di entrambe le squadre e difese molto attente, con il risultato che in questa prima parte di set nessuna delle due compagini riesce a prevalere sull’altra. Palmi ne mette due in successione e prova a scappare via (6-4), riuscendo anche a mantenere il doppio vantaggio per diversi minuti nonostante Akademia tenti di rifarsi sotto. Dopo vari tentativi, le ospiti finalmente ritrovano il contatto con le padrone di casa (11-11) ed aumentano la pressione sulle ragazze allenate da Camiolo, che accusano il colpo e subiscono anche l’importante controsorpasso della truppa di Fabrizio Costantino: Muzi e compagne ne piazzano ben cinque in successione, si portano sul 15-12 e costringono al time out la squadra di casa. Palmi rientra in campo con una nuova carica e trova due punti di fila che servono a riportarsi a stretto contatto con le ospiti. Troppo poco, però, per un’Akademia che appare molto concentrata e motivata. Le ragazze allenate da Nino Gagliardi affondano il colpo, Palmi sbanda e si allontana di cinque lunghezze (21-16), costringendo la panchina di casa al time-out. Al rientro le calabresi trovano un mani-fuori sul muro delle ospiti che serve, però, solo ad interromperne l’emorragia di punti, perché la Sicom riprende a correre e trova i colpi decisivi per chiudere e portare a casa anche il secondo parziale dell’incontro con il finale di 25-17.

Akademia Sant'Anna

La carica della schiacciatrice Valentina Martilotti (foto Marco Familiari)

Pronti via e Messina si porta avanti 3-0 nel terzo set. Palmi reagisce con carattere e trova il 4-4. Akademia rimette la testa avanti e, nonostante i tentativi di rimettersi in carreggiata da parte della squadra di casa, riesce a trovare il momentaneo +4 (12-8), che comporta il time out da parte della panchina calabrese. Il tesoretto costruito dalle ospiti resiste agli attacchi di Palmi e, anzi, Composto e compagne riescono anche ad allungare sul +5. (15-10) La Sicom riesce anche a trovare il punto del potenziale +6 con un attacco di Martilotti che, però, l’arbitro giudica out nonostante le stesse giocatrici di casa abbiano riconosciuto il tocco difensivo decisivo per far terminare fuori la giocata della schiacciatrice messinese. Da questo momento le calabresi prendono coraggio e ribaltano la situazione rendendosi protagoniste di una bella rimonta. Spinte dall’entusiasmo del pubblico di casa, piazzano un break che vale il pari tra le due squadre, e costringe coach Gagliardi a spendere il suo primo time-out della partita. Palmi in questo momento appare più in palla e riesce anche a firmare il sorpasso sule ospiti, riaccendendo improvvisamente il match e riportando grande entusiasmo sugli spalti. La Sicom non si lascia intimorire ed interrompe il digiuno trovano il punto del pari. Di nuovo in equilibrio, è battaglia apertissima tra le due squadre, con Palmi che, in questo momento, appare più in palla e riesce a costruirsi il suo massimo vantaggio (20-17), costringendo il tecnico ospite al nuovo time out. Al rientro in campo la musica non cambia e le calabresi allungano ancora. Sotto di 4 arriva la reazione delle messinesi, che ne fanno due di fila e obbligano coach Camiolo a richiamare le sue in panchina. Akademia prosegue come aveva lasciato il gioco e ne piazza altri due (con un bellissimo ace di Valentina Martilotti) che vale il 21-21 e rimette improvvisamente in discussione il match, per un finale letteralmente al cardiopalma. Palmi torna a mettere la palla a terra e trova il punto del +1, ma Akademia prima si riporta sul pari e poi mette la testa avanti (23-22). L’errore difensivo della squadra di casa vale il match point per le messinesi che, alla fine, chiudono con il punto griffato da Giulia Cardoni: 25-22 e 3-0 definitivo per l’Akademia Sant’Anna.

Desi Volley Palmi – Sanitaria Sicom Akademia Sant’Anna 0-3 (21-25, 17-25, 22-25)
Desi Volley Palmi: La Rosa 2, Ciancio (L) 0, Mearini 11, Cicoria ne, Isgrò 3, Mancuso (C) 8, Andeng Okomo 6, Surace 0, Giometti 14. All. Camiolo.
Akademia Sant’Anna: Varaldo 13, Fabbo 0, Composto 11, Martilotti 10, Anselmo ne, Muzi (C) 3, Quarto 0, Iannone ne, Liguori 2, Garofalo 0, Pisano (L) 1, Cardoni 6. All. Gagliardi.
Arbitri: Gabriella Notaro e Gabriele Galletti.