“Sud chiama Nord” di De Luca ottiene due seggi: Gallo sbarca in Parlamento

Francesco GalloL'assessore comunale uscente con delega allo Sport Francesco Gallo

L’assalto a Palazzo d’Orleans è fallito ma l’ex sindaco di Messina Cateno De Luca si conferma un grande catalizzatore di consensi e nonostante il secondo posto alle spalle di Renato Schifani nella corsa alla presidenza della Regione Sicilia può celebrare l’elezione di due parlamentari nei rispettivi collegi uninominali: Dafne Musolino al Senato e Francesco Gallo alla Camera. L’attuale vice-sindaco e assessore allo Sport di Palazzo Zanca sbarcherà quindi a Roma. Decisivo il consenso ottenuto da “Sud chiama Nord” nella città dello Stretto. Sarà necessario un rimpasto, dal momento che entrambi lasceranno la Giunta.

Gallo, De Luca e Musolino

Gallo, De Luca e Musolino celebrano il risultato

Gallo ha ottenuto 58.226 voti per una percentuale del 32,35. Battuti Matilde Siracusano del centrodestra, che si è fermata a 52.473 preferenze per il 29,07%, Grazia D’Angelo del Movimento Cinque Stelle (29.972 e 16,60%) e Felice Calabrò del centrosinistra (25.890 e 14,34%).  Musolino, già assessore al contenzioso e alle attività produttive del Comune di Messina, approda in Senato grazie a un margine più ridotto. 105.098 i voti raccolti per il 29,96%. Superate Carmela Bucalo del centrodestra (103.143 preferenze e 29,40%), Barbara Floridia del Movimento Cinque Stelle (63.215 e 18,02%) e Antonia Russo del centrosinistra (51.951 e 14,81%).

Musolino

Gli assessori Musolino e Gallo (i primi da destra) durante un sopralluogo al PalaRescifina

Temuto dai competitor politici per il suo appeal elettorale e la capacità di interessare gli interlocutori, De Luca è stato presente sul territorio, battuto palmo a palmo, e sui social, diventati ormai decisivi. Durante la campagna elettorale ha fatto tappa in 320 comuni della Sicilia e si è fatto appoggiare da trecento candidati in 39 liste. Il suo nuovo movimento, nato da una costola di Sicilia Vera, era presente anche in Calabria, Puglia, Emilia-Romagna e Abruzzo, e ha ottenuto quei seggi che realtà molto più note a livello nazionale, come “Noi moderati” del governatore della Liguria Giovanni Toti o “Impegno Civico” dell’ex ministro Luigi Di Maio non sono riusciti a strappare.

Francesco Gallo

Francesco Gallo lascerà la carica di assessore comunale allo Sport

De Luca è riuscito ancora una volta a proporsi come elemento di novità e alternativa alla politica tradizionale, nonostante sia già stato sindaco di tre Comuni, Fiumedinisi, dove è nato, Santa Teresa di Riva e Messina, con più passaggi da deputato all’Assemblea Regionale Siciliana. Nei mesi scorsi in riva allo Stretto è stato eletto Federico Basile, designato come suo successore proprio dall’ex sindaco, che ha ottenuto anche il premio di maggioranza in consiglio comunale impossibile da centrare nella tornata precedente. Leader nei patronati Fenapi, con centinaia di sedi in tutta Italia, De Luca si conferma quindi una “macchina” elettorale, pronto a trasformare queste ulteriori conquiste in un nuovo punto di partenza verso obiettivi più ambiziosi. Ha già paventato la possibilità di candidarsi a sindaco di Taormina.

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma