Spadafora cerca la lode a Santa Croce. Severo test per l’Amatori, l’Agatirno cerca punti utili

Penultima giornata dell’anno e terzultima del girone d’andata in serie C Regionale che manda in campo nell’odierno week end le squadre impegnate nella nona giornata. Campionato dominato in lungo ed in largo dalla Piero Lepro Group Spadafora capace con un gioco brillante e redditizio di inanellare otto gemme consecutive in questo avvio che la pongono in vetta in solitario a punteggio pieno con quattro lunghezze di margine sulla seconda. Seconda che è la Vigor Santa Croce Camerina che, dopo l’ottima prestazione sul campo della PGS Sales Catania, incrocerà proprio i giallo neri nel big match di giornata. Spadafora non nasconde l’ambizione del successo finale, fatta da atleti importanti come il play Stuppia, la guardia Busco ed il lungo navigato Contaldo. Un gruppo già bene amalgamato che viaggia imbattuta e che certamente, per l’esperienza maturata, non soffre il fattore campo. Servirà l’impresa per la squadra iblea di coach Di Stefano che col calore del pubblico amico ha l’obbligo di provarci. Queste le parole alla vigilia dell’allenatore della Vigor: “Stiamo vivendo un momento importante – afferma coach Di Stefano – ma non dobbiamo farci prendere dal troppo entusiasmo. Ancora la stagione è lunga. Sebbene manchino tre giornate alla conclusione del girone di andata. I miei ragazzi pur avendo lavorato bene in pre campionato, cominciano ad accusare qualche sintomo di stanchezza. Non dimenticando che buona parte del roster è impegnata anche nelle due categorie giovanili under 19 e 17. Quindi, bisogna andare cauti e cercare di ruotare un pò tutti per arrivare al riposo natalizio nelle condizioni fisiche migliori e con il miglior risultato in classifica. La gara di domenica ci mette certamente di fronte a delle responsabilità importanti. Ma noi siamo abituati, continuiamo a pensare come una squadra piccola che deve cercare di ottenere il miglior risultato possibile al più presto. Questo status potrebbe essere uno dei nostri punti di forza. Non c’è dubbio che cercheremo di scendere in campo, come sempre, con la nostra grande determinazione, senza guardare in faccia agli avversari. La mia speranza è di avere tutto il gruppo al completo e di ottenere il massimo da ognuno di loro, come del resto sono abituati a fare”.

La panchina dell'Agatirno CdO

La panchina dell’Agatirno CdO

La stellina è senza dubbio rappresentata dall’arrivo da Gela del play Occhipinti che sta viaggiando ad ottime medie realizzative e rappresenta un ottimo collante per il gioco degli uomini bianco blu. Gara da non perdere quindi alla Palestra Rosalia.
Giocano in anticipo invece le altre due contendenti peloritane, l’Amatori Messina di Mario Maggio che al PalaTracuzzi ha un disperato bisogno di punti e proverà a fermare la rincorsa dello Sport Club Gravina, squadra di alto livello. Confronto che negli scorsi anni era valido anche per piazzamenti di prestigio in C Nazionale e che adesso si ripropone nel massimo torneo regionale. Messina si affida alla solita verve dei suoi uomini che non è bastata per tornare con un successo da Giarre nonostante i progressi evidenziati dalla squadra nero arancio. Gravina può contare sull’estro di Consoli, un top player per il campionato e vuole il blitz esterno per provare ad insidiare il secondo posto di Santa Croce. L’Amatori in penultima posizione e con un pronostico a sfavore punta a sorprendere e rialzarsi in vista della fine del girone d’andata.
Chiude il quadro l’Agatirno Capo d’Orlando che al PalaFantozzi punta al terzo acuto stagionale contro un Marsala che in classifica sembra già condannato al declassamento, avendo una sola vittoria in carniere. Paladini che hanno fatto soffrire Licata nell’ultimo turno ed ai quali mancava il valore aggiunto di Strati, al rientro in regia per guidare i suoi compagni contro i lilibetani. Solo un risultato a disposizione per gli uomini di coach Silva che continuano a mostrare una decisa crescita per la categoria con gli spunti personali dei vari Karavidc, che sta recuperando la migliore condizione, Galipò e Spampinato. Il Marsala del tecnico Cardillo è una squadra giovanissima che riparte dal basso dopo la rinuncia alla C Nazionale ma per questo non deve essere presa sottogamba ed anzi superata per centrare l’obiettivo non procrastinabile di risalire posizioni in classifica.

Il resto della nona giornata:
Cus Catania-Adrano (5 gennaio)
Virtus Trapani-Licata
Sales- Giarre

The following two tabs change content below.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva