Sinagra, l’orgoglio di Ioppolo: “Nessun miracolo, risultati figli del lavoro”

Andrea Ioppolo, neo allenatore della Santangiolese

Ennesima stagione da incorniciare per il Sinagra che, nonostante la solita vigilia fatta di scetticismo e pronostici non proprio favorevoli, si è confermata come una delle più belle realtà dell’ultimo torneo di Promozione. Guai, però, a parlare di miracolo, perché i risultati ottenuti sul campo sono frutto del lavoro certosino che il mister Andrea Ioppolo ha sviluppato durante gli allenamenti, dando alla squadra una precisa identità tattica.

Il Sinagra celebra una rete

Il Sinagra celebra una rete

Sinagra è un’isola felice, con una società che tiene alta la bandiera di un Comune di appena duemila abitanti, ma soprattutto nella quale tanti giovani possono formarsi e giocarsi le proprie chance: “Il segreto risiede nella costanza, nella voglia e nella passione che questi ragazzi nutrono per i nostri colori” ha dichiarato mister Ioppolo. “Riusciamo a formare ogni anno tanti giovani che possono essere lanciati in prima squadra. Il primo nome che mi viene in mente è Fogliani, un ragazzo del ’99 davvero interessante che ha già collezionato 15 presenze quest’anno in prima squadra e che dalla prossima stagione sarà sicuramente tra i protagonisti. Chi parla di miracolo lo fa perché è all’esterno e non conosce il nostro modo di allenarci e di fare calcio. Abbiamo affrontato un campionato di livello particolarmente alto, dobbiamo solo essere orgogliosi di quello che abbiamo fatto”.

Esultanza del Sinagra dopo lo 0-1

L’esultanza del Sinagra 

L’obiettivo adesso è non dilapidare quanto conquistato sul campo, perché la Promozione è una realtà impegnativa. Molto presto si dovranno fare i conti e valutare se è il caso di non ripartire da una categoria inferiore: “Quest’anno abbiamo affrontato parecchie spese e non è facile per una piccola società come la nostra. Nell’ultima stagione molte cose sono state risolte all’ultimo minuto. Dobbiamo vedere se ci sono le possibilità per continuare in maniera stabile garantendo sempre la salvezza sul campo. Ripartire con il rischio di dover improvvisare in alcuni ambiti sinceramente non credo che sia giusto”. Comunque vada, Sinagra avrà comunque una squadra in grado di rendere onore a questa bella realtà: “Il nostro obiettivo dev’essere sempre quello di disputare campionati di livello, il nostro pubblico se lo merita. Sono convinto che con un piccolo sforzo da parte di tutti possiamo fare grandi cose”.

Commenta su Facebook

commenti