Siac, Colavita: “Grande euforia per l’A2”. La Torre: “Il girone è intrigante”

Francesco ColavitaFrancesco Colavita, dirigente della Siac Messina

Ripescata in A2, la Siac Messina sarà la prima squadra peloritana della storia a partecipare alla seconda serie nazionale di calcio a 5. Sono giorni di grande emozione per il salto di categoria, come testimoniano le parole del dirigente Franco Colavita: “Accogliamo con euforia la A2. Chi ce lo doveva dire, quando ho conosciuto l’ambiente Siac eravamo ancora in serie D. Per la prima volta una squadra di Messina è in A2. Sono strafelice, perché entrambi i miei figli giocano in prima squadra. Nello spogliatoio c’è entusiasmo e tanta voglia di fare bene. Adesso lavoriamo duro per mantenere la categoria”.

Marco Ravidà

Il presidente della Siac Marco Ravidà

Sulla stessa lunghezza d’onda il dirigente Fabio La Torre: “È un girone che mi intriga perché, anche se alcune squadre già le conosciamo, altre sono per noi completamente nuove. Conosceremo, quindi, altre realtà. Anche se qualche trasferta è abbastanza lontana, ci organizzeremo al meglio”.

La priorità per il club del presidente Marco Ravidà è adesso il rafforzamento dell’organico. Folto il programma delle amichevoli che prevede per sabato 12 il test con il Me 2006, poi il 19 la gara contro il Maestrelli C5 e il 26 la ventunesima edizione del “Memorial La Mendola”, classico appuntamento del futsal peloritano, in cui la squadra allenata da Salvatore D’Urso sfiderà Futura e Cataforio. Il 3 ottobre la Siac affronterà il Città di Melilli, il 10 il Cataforio, due delle rivali del prossimo e storico campionato di A2.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva