Si è spento a soli 53 anni l’ex portiere giallorosso Roberto Dore

L'ex portiere giallorosso Roberto Dore

A soli 53 anni, stroncato da un infarto, si è spento Roberto Dore, ex portiere del Messina tra la fine degli anni 80 e l’inizio degli anni 90. Nato a Gonnostramatza in provincia di Oristano il 29 marzo 1960, ma cresciuto a Cagliari in una squadra di piazza Giovanni XIII, la Pro Dante, Dore era approdato nelle giovanili del Cagliari per poi esordire in A. Nella massima serie Dore ha giocato soltanto due partite nelle stagioni 1981-82 e 1982-83: entrambe contro l’Avellino e tutte e due terminate con il risultato di 0-0.

L'ex portiere giallorosso Roberto Dore

L’ex portiere giallorosso Roberto Dore

Dopo quelle stagioni l’ex portiere giallorosso ha girovagato per l’Italia vestendo le casacche di Pro Patria in C1 (15 presenze) e Parma (28 presenze in due stagioni disputate in C1) per poi tornare in Sardegna 1985. Altre 6 presenze in due campionati di serie B con i sardi e poi il suo trasferimento al Venezia, vestendo la maglia dei lagunari per 34 volte in C2. Poi l’arrivo a Messina, al posto di Bosaglia, come dodicesimo di Stefano Ciucci, con Zdenek Zeman in panchina. Nella stagione 1988-89 colleziona quattro presenze in maglia giallorossa. L’esordio in campionato all’undicesima giornata contro il Monza al “Celeste”, con gli ultras giallorossi in aperta contestazione con la società. Al gol di in apertura di Casiraghi, rispondono Cambiaghi e Schillaci. Le altre presenze a Barletta (2-2), col Bari in casa (3-0 con reti di Schillaci, Mandelli e Pierleoni) e a Brescia (3-1 per i lombardi).

Nella stagione successiva per Dore solo due presenze in Coppa Italia, contro l’Atalanta al Celeste (0-0) e a San Siro contro il Milan (6-0). Il Messina allenato prima da Scorsa e poi da Giorgio Buffoni si salverà dopo lo spareggio di Pescara contro il Monza (1-0, gol di Doni). L’ultimo campionato in giallorosso Dore lo gioca nella stagione 1990-91, con Materazzi (poi sostituito dal duo ColombanRuisi) alla guida dei peloritani. Ancora tanta panchina per il portiere sardo, l’unica presenza sul campo dell’Ascoli, alla quattordicesima di ritorno, finisce 5-1 per i marchigiani. Nella stagione successiva il suo passaggio alla Ternana.

Commenta su Facebook

commenti