S.S. Milazzo, Laquidara avverte tutti: “Contro il Motta vietato sbagliare”

LaquidaraLaquidara in azione con l'S.S. Milazzo

Il colpaccio in casa dell’Atletico Messina ha fatto crescere l’entusiasmo e la convinzione nei propri mezzi ad un S.S. Milazzo che adesso occupa la seconda posizione, a 5 punti dall’Aci S. Antonio capolista. Un divario abbastanza ampio, ma non impossibile da colmare, anche se gli etnei stanno mostrando una certa continuità nei risultati. Il campionato sin qui ha detto che la squadra di mister Caragliano ha tutte le carte in regola per potersela giocare fino alla fine, come testimonia lo zero alla voce sconfitte negli scontri diretti affrontati sin qui.

Laquidara tra i protagonisti dell’S.S. Milazzo

Per l’esterno sinistro Antonio Laquidara la strada è ancora lunga, ma il duro lavoro sta dando i suoi frutti: “Contro l’Atletico Messina abbiamo giocato una buona gara. Siamo soddisfatti del risultato, vincere fuori casa uno scontro diretto è sempre un grande segnale. Avevamo davanti una squadra costruita per portare a casa il campionato, siamo stati bravi a segnare con Rasà dopo pochi minuti e a mantenere il risultato”.

“Negli scontri diretti abbiamo sempre dimostrato il nostro valore – ha continuato Laquidara – con la Jonica ce la siamo giocata alla pari e se non abbiamo vinto quella gara è solo per una svista arbitrale clamorosa che ci ha tolto il gol vittoria a pochi minuti dalla fine. Da quella gara abbiamo avuto un piccolo periodo di appannamento che però ci è costato punti pesanti in partite decise da alcuni episodi e anche da qualche decisione arbitrale discutibile. Contro l’Aci Sant’Antonio abbiamo giocato un’ottima gara per intensità e grinta, subendo gol nell’unico loro mezzo tiro. Credo che il pareggio in quell’occasione ci stava a dir poco stretto. Il campionato è ancora molto lungo, anche se in generale, sinceramente, mi aspettavo una classifica diversa. Ad esempio credevo che l’Atletico Messina potesse fare molti più punti vista la qualità della rosa, questo vuol dire che in un campionato del genere non c’è nulla di scontato”.

Ai rossoblù serve quel pizzico di continuità che può fare la differenza, a partire dal match casalingo contro il Motta: “Può sembrare paradossale, ma credo che sotto un certo punto di vista la sfida di domenica per noi sia più complicata rispetto alla gara con l’Atletico Messina. Sin qui abbiamo perso qualche punto di troppo con squadre che sulla carta sono inferiori a noi. Probabilmente paghiamo un approccio troppo morbido e poi ci innervosiamo quando non riusciamo a sbloccare la gara e gli avversari si chiudono. Stiamo lavorando affinchè si superino certi ostacoli e si vincano anche le partite apparentemente più abbordabili, che poi sono quelle che possono fare la differenza alla fine del campionato tra chi festeggia la promozione e chi no”.

Dicembre uguale mercato, Laquidara è un profilo che può piacere a molti e su questo punto aggiunge: “A Milazzo mi trovo bene, c’è un progetto serio e ambizioso in una piazza importante. Possiamo contare sull’apporto del pubblico, cosa rara in questa categoria. Però con il mercato aperto si sa che può succedere di tutto, ma questo può valere sia per me che per la società”  

Commenta su Facebook

commenti