Rometta – Tiger, il derby continua. Mano pesante del giudice sportivo

Rometta - Tiger Brolo
Una fase di gioco del derby fra Rometta e Tiger Brolo

Una fase di gioco del derby fra Rometta e Tiger Brolo

Il derby di domenica scorsa giocato al “Filari” di Rometta fra la formazione di casa e la capolista Tiger Brolo, conclusosi con il risultato di  1-1, continua oltre i canonici 90 minuti. Ne tempi supplementari o calci di rigore, ma reclami e contro reclami stanno prolungando la contesa.

Ha iniziato la società brolese con il reclamo presentato per la posizione irregolare del calciatore Ivan Cordima. L’ex difensore del Città di Messina aveva subito una squalifica di due giornate nell’ultima gara del campionato Juniores della scorsa stagione con la maglia del Taormina. Una giornata, Cordima l’ha scontata nell’ultima gara del campionato Eccellenza, ne rimaneva un’altra che avrebbe dovuto scontare quest’anno. La dirigenza del Rometta non essendo a conoscenza della squalifica ha schierato il giocatore che era stato tesserato proprio un paio di giorni prima del derby.

Da Brolo sono sicuri di poter avere i tre punti a tavolino. Ma ecco che arriva il colpo di scena, oggi con una nota dell’ufficio stampa, la società del patron Micali, comunica “di aver presentato ricorso chiedendo la ripetizione della gara del 6 Ottobre 2013 contro la Tiger per errore tecnico del direttore di gara, Mazzarà di Palermo, per non aver sanzionato, per la seconda volta con conseguente espulsione del proprio calciatore Santo Biondo, il quale rimaneva in campo, nonostante la doppia infrazione, che sicuramente è stata annotata dal commissario degli arbitri, presente in tribuna, e che poi è entrato nello stanzone del direttore di gara per valutare la sua condotta sicuramente non regolamentare dal punto di vista tecnico”.

Ivan Cordima, in azione, con la maglia del Città di Messina. (foto Isolino)

Ivan Cordima, in azione, con la maglia del Città di Messina. (foto Isolino)

Sarà sicuramente una bella matassa da sbrogliare per il giudice sportivo, che nel frattempo ha reso note le decisioni prese a seguito di ciò che è accaduto sul terreno di gioco romettese, dove a fine gara alcuni giocatori venivano quasi a contatto. Intanto non ha omologato il risultato conseguito sul campo, per il reclamo presentato dalla Tiger avverso la posizione irregolare del giocatore Cordima. Poi ha squalificato il centrocampista Arena del Rometta ed il portiere Fagone Pulice della Tiger per tre giornate, il rossoblu Peppe Buda ed il giallonero Bonaffini sono stati fermati per una giornata. Due dirigenti del Rometta sono stati squalificati: Antonino Micali fino al 15 novembre e Antonio Gambadoro fino al 15 ottobre. Infine, le due società sono state multate, rispettivamente di 400 euro il Rometta e 100 euro la Tiger.

Commenta su Facebook

commenti