Record di abbonamenti per la stagione teatrale del Teatro Vittorio Emanuele

Teatro Vittorio EmanueleLa modella Isabella Giacobbe all'interno del Teatro Vittorio Emanuele (foto di Daniele Passaro)

Lo scorso 24 ottobre si è aperta la nuova campagna abbonamenti dedicata alle stagione 2017-2018 del Teatro Vittorio Emanuele. Come da prassi la partenza è stata dedicata all’esercizio del diritto di prelazione che tutti i vecchi abbonati possono esercitare sulla poltroncina occupata la stagione precedente. Reazioni positive del pubblico messinese hanno da subito fatto registrare numeri da record: in soli 6 giorni 500 abbonati alla stagione scorsa hanno scelto di confermare la propria scelta. Tutti i già tesserati, mini e full, per le sezioni Musica e Prosa avranno ancora tempo per assicurarsi la propria poltroncina a condizioni vantaggiose sino a domenica 5 novembre.

Teatro Vittorio Emanuele di Messina

Il Teatro Vittorio Emanuele di Messina

Da martedì 7 novembre si darà invece spazio ai nuovi: per la musica ci sarà tempo sino a mercoledì 15 novembre, mentre per la Prosa sino martedì 22 novembre 2017. Recandosi ai botteghini è possibile, tra l’altro, anche visitare la collettiva d’arte contemporanea Le Apparenze Rendono “Folli”, delle artiste Angela Andaloro, Giusy Giorgianni e Maria Teresa Giunta. Le biglietterie del Vittorio rimarranno a disposizione del pubblico tutti i giorni dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.40 (esclusi il lunedì e la domenica pomeriggio). Inoltre, da lunedì 6 novembre sarà allestito anche un botteghino presso le segreterie universitarie di Palazzo Mariani (le ex Poste di Piazza Antonello) dedicato a tutti coloro che a vario titolo appartengono al mondo accademico dell’Università di Messina e che vogliono approfittare delle condizioni particolarmente vantaggiose riservate loro. C’è dunque grande attesa e interesse per i due cartelloni composti da 22 spettacoli di ampio respiro (dodici di prosa e dieci di musica) e frutto di un attento lavoro di selezione dei direttori artistici, Simona Celi per la Prosa e Matteo Pappalardo per la Musica.

Teatro

La platea del teatro Vittorio Emanuele di Messina

Dalla “Filumena Marturano” diretta da Liliana Cavani alla “Traviata” versione Zeffirelli e alla “Carmen” con la regia di Sergio Rubini. E, ancora, dal “Grease” della Compagnia della Rancia a Donatella Finocchiaro, Ambra Angiolini, Carlo Cecchi nell’Enrico IV, Michele Placido, Anna Bonaiuto, lo scrittore Daniel Pennac, anche lui in scena, e Raoul Bova, Glauco Mauri e Silvio Orlando. Un cartellone nel segno dell’eterogeneità. Si comincia con il “Il lago dei cigni”, dal 17 al 19 novembre, e poi con il musical “Grease”, diretto da Saverio Marconi dal 24 al 26 novembre, e con il classico di Eduardo De Filippo “Filumena Marturano”, regia di Liliana Cavani e in scena Mariangela D’Abbraccio e Geppy Gleijeses, dall’8 al 10 dicembre, e “Lampedusa” con Donatella Finocchiaro e Fabio Troiano, dal 15 al 17 dicembre. Da ricordare pure “Carmen” (regia di Sergio Rubini, 9, 11 e 13 febbraio), “La traviata” (4, 6 e 8 maggio), “La guerra dei Roses” con Ambra Angiolini (12-14 gennaio), Carlo Cecchi in “Enrico IV” di Pirandello (19-21 gennaio), Michele Placido e Anna Bonaiuto in “Piccoli crimini coniugali” (16-18 febbraio), Daniel Pennac in “Un amore esemplare” (28 febbraio-2 marzo), Raoul Bova e Chiara Francini in “Due” (16-18 marzo), Glauco Mauri e Roberto Sturno in “Edipo – Edipo Re/Edipo a Colono”  (23-25 marzo), Elena Sofia Ricci in “Vetri rotti” di Miller (6-8 aprile), e Silvio Orlando ne “La scuola” di Starnone (13-15 aprile), regia di Daniele Luchetti.

Commenta su Facebook

commenti