Si chiude la XII^ edizione dell’Horcynus Festival

Massimo Barilla e Salvatore Arena

Massimo Barilla e Salvatore Arena

L’ultima serata della dosicesima edizione dell’Horcynus Festival sarà all’insegna del teatro con la compagnia calabro-sicula Mana Chuma Teatro, fondata da Massimo Barilla e Salvatore Arena. Protagonista della serata la lettura scenica “Longa è a jurnata”, testo di Salvatore Arena, finalista al Premio Riccione per il Teatro nel 2005. Per l’occasione l’Horcynus Festival si sposterà nella corte della Torre degli Inglesi, nel complesso monumentale del Parco di Capo Peloro. Arena e Barilla, accompagnati dalla musica di Giacomo Farina, interpreteranno due uomini, legati da un’antica amicizia, impegnati a sopravvivere in un luogo angusto, una seminterrato degli anni ’70. Vanni vive da recluso dopo che un incidente sul lavoro lo ha reso infermo ad un bracco, anche se sogna di poter tornare a lavorare. Peppi invece conduce una vita da precario passando da un piccolo lavoro ad un altro. Un giorno le ultime risorse paiono consumarsi con i due protgonisti che si trovano a dover combattere con “l’ultimo lungo interminabile giorno”. Si conclude così la dodicesima edizione dell’Horcynus Festival anche se tutto è già pronto per la sessione invernale del festival prevista nel prossimo novembre tra Sicilia e Calabria. La manifestazione sarà di livello internazionale, con la Tunisia paese ospite al fine di continuare nell’indagine sul Mediterraneo in Costituzione, tema dell’Horcynus Festival 2014

 

 

Commenta su Facebook

commenti