Pruiti e Agolli regolano il Mazzarone: il RoccAcquedolcese riprende la marcia

RoccAcquedolceseL'undici del RoccAcquedolcese

Bel pomeriggio di sport quello andato in scena tra RoccAcquedolcese e Mazzarone, con le due squadre assieme sia nel pre che nel post-gara e conclusosi con una passeggiata per le vie del centro cittadino. Anche all’andata il clima è stato identico. La gara valevole per la terza giornata di ritorno del campionato di Eccellenza girone B è stata disputata all’insegna della sportività e si è conclusa con appena tre ammoniti.

RoccAcquedolcese

Il RoccAcquedolcese celebra il successo (foto 3mtv)

Primo tempo equilibrato con una sola palla-gol a testa e lo 0-0 che sembrava scontato e giusto, ma al 2’ di recupero dei tre concessi dall’arbitro De Gregorio, in fase di ripiegamento, recuperava palla al limite dell’area, la allargava sul lato sinistro per Scolaro che di prima intenzione lanciava Pruiti verso la porta avversaria. Controllo in corsa del classe 2005 e botta sul primo palo che non lasciava scampo all’incolpevole Fagone.

Il vantaggio dava coraggio ai ragazzi di mister Palmeri, che nel secondo tempo sembravano più in palla e riuscivano a controllare la partita dettando i ritmi di gioco a proprio piacimento. Arrivava così il gol del 2-0 di Agolli, migliore in campo, che su calcio d’angolo battuto dalla destra da capitan Zingales impattava la palla di testa sul secondo palo e la metteva sotto l’incrocio dalla parte opposta.

RoccAcquedolcese

Agolli ha firmato il raddoppio del RoccAcquedolcese (foto 3mtv)

A questo punto veniva fuori il Mazzarone, che cercava il gol della bandiera per provare a rientrare in partita, ma, nonostante un timido predominio territoriale, non riusciva mai ad impensierire sul serio la retroguardia locale.

Per il RoccAcquedolcese un pronto riscatto dopo la brutta sconfitta di Taormina e tre punti importanti che le consentono di tenere a distanza di dieci punti il quintultimo posto. Per il Mazzarone, che era reduce da otto partite con una sola sconfitta all’attivo subita a Modica, un ko che ci può stare e che non comprometterà quanto di buono fatto fino a questo momento nel percorso teso alla conquista dell’obiettivo salvezza.

Autori

+ posts