Promozione, definito l’organico a 28 squadre. Nove formazioni nel girone di Messina

Il primo campionato a libera partecipazione, la Promozione, ha definito l’organico per la stagione 2014/2015. Saranno ventotto le squadre iscritte, suddivise in tre gironi che rappresenteranno la nostra Isola, un numero in decisa controtendenza rispetto al passato che conforta il Comitato Regionale che fino all’ultimo momento ha cercato di equilibrare il numero di partecipanti dei tre gironi.
E’ stato l’Ufficio Gare col comunicato ufficiale n. 28 a dare l‘ufficialità che registra ben dieci squadre, il più numeroso, nel girone di Catania-Siracusa e nove a testa negli altri due, quello di Agrigento-Palermo-Trapani (novità dell’ultim’ora è l’ingresso della Pallacanestro Bagheria, ndc) e il raggruppamento orientale di Messina.

Logo FIP Sicilia

Logo FIP Sicilia

Faranno parte del girone peloritano Scarabeo Milazzo, Mia Basket, Lions Messina, Svincolati San Filippo, Cus Unime, Torrenova, Fp Sport, Tartarughino Capo d’Orlando e la Maurilio Milone che ha sostituito in extremis l’Amatori Messina.
Con questi numeri e considerato anche la folta presenza di squadre a cascata nei campionati professionistici e semi professionistici, Messina si conferma la provincia siciliana più rappresentata per numero di società partecipanti ai campionati di pallacanestro, un dato che conforta in un periodo caratterizzato da oggettive difficoltà per chi vuole fare sport.

Clicca qui per visualizzare l’organico completo della Promozione

Girone Palermo/Agrigento/Trapani (9)
Bagheria, Basket Academy, Splash, Eagles Palermo, Pall. Campobello, Green Basket, Orizzonte Palermo, Ares Ribera, Pall. Erice

Girone Catania-Siracusa (10)
Euro Virtus Sant’Agata Li Battiati, Azzurra Belpasso, Sporting Adrano, Libertas Fiumefreddo, Pall. Giarre, Progetto Bk Tremestieri, Sport Club Scordia, Basket Paternò, Olimpia Battiati, Virtus Augusta

Girone Messina (9)
Scarabeo Milazzo, Mia Basket, Lions Messina, Svincolati San Filippo, Cus Unime, Torrenova, Fp Sport, Tartarughino Capo d’Orlando, Maurilio Milone

Commenta su Facebook

commenti