Pozzecco: “Orgoglioso dei miei ragazzi e del trasporto della gente. L’unico che commette errori sono io”

Basket City si è trasferita a Capo d’Orlando. Non è un’esagerazione ma una semplice constatazione per la passione che trabocca al PalaFantozzi. Oltre quattromila i cuori biancoazzurri che hanno spinto la propria squadra all’ennnesima impresa di una stagione che già di per sè entrerà nel libro dei record della società paladina. L’Orlandina domina gara 1 con un poderso break di 40-22 nel secondo tempo ed incanala la serie dei quarti di finale sui giusti binari, acquisendo grande fiducia in vista del retourn match di martedì sera. Il terzo derby vinto in stagione regala nuova serenità ad un ambiente maturo e consapevole della forza e delle qualità in possesso alla vicecapolista del campionato. In sala stampa il primo ad irrompere è il presidente Enzo Sindoni che dedica la vittoria agli orlandini all’estero e sentenzia: “Questa affermazione la dedico al migliore allenatore d’Italia, il nostro”.

La carica dei giocatori dell'Orlandina

La carica dei giocatori dell’Orlandina

Gianmarco Pozzecco ascolta in silenzio ed ammicca: “Secondo me oggi va detta una cosa che ripeto da inizio anno, indipendentemente da quello che succederà, nel senso che può succedere di tutto. Non sono legato al mero risultato ma a quello che vivo, vedo e percepisco. La gente è molto attaccata a noi e viceversa, l’episodio più significativo che racchiude quello che siamo noi è il quarto fallo comminato a Nicevic che non si è sottratto, dopo aver giocato dieci minuti clamorosi, ha preferito fare un passo indietro dal punto di vista personale rispetto al bene della squadra. Io sono orgoglioso di allenare questi ragazzi. Ma dire che vinceremo ce ne passa, di certo abbiamo dimostrato di poter competere con i migliori contro una squadra di cui io nutro il massimo rispetto. Calvani con grande umiltà è sceso di categoria dopo aver disputato la finale scudetto, non a caso con Roma che ha fatto un’annata strepitosa. Barcellona per il valore tecnico che ha può vincere la serie per 3-1 ma noi non molleremo di un centimetro. I ragazzi si sono sacrificati in difesa, è una cosa nobile. Non dobbiamo festeggiare nulla, tranne la consapevolezza del valore che hanno i ragazzi. Il giorno che noi perderemo è solo colpa mia, mi auguro di non fare errori, sono l’unico che per certi versi può impazzire. I ragazzi giocheranno sempre così, lo prometto”.

Gianmarco Pozzecco col capitano Matteo Soragna

Gianmarco Pozzecco col capitano Matteo Soragna

Martedì si ritorna in campo e il Poz si sofferma sulla condizione fisica dei suoi ragazzi: “La mia preoccupazione è tutta per gara due, nella costruzione della squadra col ds Sindoni lo sapevamo, cioè il problema non è mantenere il livello di gioco odierno, ma subire la stanchezza che è una cosa fisiologica perché abbiamo dei ragazzi dall’età non più verde. Abbiamo speso enormi energie oggi e mertedì sarà la stessa cosa. Sono certo che anche martedì i ragazzi daranno l’anima sul parquet. Chi fa i reali sacrifici è il patron Sindoni che merita tutta l’accoglienza di oggi dei tifosi e rivolgo il mio saluto anche ai sostenitori di Barcellona che hanno onorato nel migliore dei modi lo sport siciliano”. 

Questo il video della conferenza stampa dell’allenatore dell’Upea Orlandina Gianmarco Pozzecco:

Commenta su Facebook

commenti