Agnoli, il gregario di Nibali: “Controproducente essere ora al top della forma”

la coppia Astana Nibali e AgnoliNibali assieme al compagno Agnoli

Intervistato nel corso della trasmissione “Ultimo Chilometro”, Valerio Agnoli ha tracciato un bilancio del lavoro svolto dall’Astana prima di partire per il Giro d’Italia, dove sarà uno dei gregari più fidati di Vincenzo Nibali. “La stagione è iniziata molto presto ed è già stata molto intensa tra corse e ritiri in altura. Prima del Giro del Trentino abbiamo svolto un lungo periodo in altura sul Teide, abbiamo fatto una mole di lavoro abbastanza elevata, quindi avevamo ancora le gambe un po’ imballate, però credo che la squadra abbia dato segnali di grandi compattezza“.

Vincenzo Nibali

Vincenzo Nibali in allenamento

Nibali è fiducioso ed è il primo a mettersi a disposizione nostra quando non è al top, come è successo al Giro del Trentino – prosegue Agnoli – la mia idea è che bisogna stare tranquilli, il Giro d’Italia è lungo tre settimane ed essere al top della forma adesso può essere controproducente: abbiamo fatto il lavoro giusto, la squadra è serena e solo a Torino capiremo se questo lavoro avrà dato i propri frutti. L’ultima settimana sarà quella della verità, ci saranno delle salite inedite molto dure: sarà la compattezza di gruppo, la tranquillità e la solidità di tutta la squadra che permetteranno fare la differenza per vincere il Giro“.

Il Giro d’Italia è ormai alle porte, la partenza è fissata in Olanda, nella cittadina di Apeldoorn il 6 maggio. La corsa rosa si concluderà a Torino il 29 maggio, dopo oltre tremila chilometri di gara. Lo “Squalo dello Stretto” ritorna alla gara a tappe italiana dopo la vittoria del 2013 e dopo due anni di assenza. Gli avversari più pericolosi saranno lo spagnolo Mikel Landa (terzo lo scorso anno) e il colombiano Rigoberto Uran, gia due volte secondo nel 2013 e nel 2014.
The following two tabs change content below.
Giuseppe Girolamo

Giuseppe Girolamo

Giornalista sportivo, iscritto all'OdG della Sicilia. Appassionato di ciclismo!

Commenta su Facebook

commenti