Otto vittorie del Messina nei precedenti con la Casertana. Ad aprile finì 1-1

Messina-Casertana 2013-2014, l'esultanza di Ferreira per il gol in apertura

Il bilancio delle gare tra Messina e Casertana è largamente in favore dei giallorossi che vantano otto affermazioni contro le due dei campani. Sei, invece, i pareggi. Nel 1968-69 la prima sfida, valida per la serie C, conclusasi sull’1-1. Quindi l’1-0 per i padroni di casa nel 1969-70 (58′ Gonella) ed il pari a reti bianche del 1971-72. Nuovo successo del Messina nel 1972-73 (1-0 gol di Zimolo al 32′), poi 2-2 nel 1974-75, con i peloritani due volte in vantaggio (6′ Tripepi (M), 40′ Martina, 44′ Picat Re (M), 67′ Fazzi).

La Casertana celebra una rete al San Filippo (foto Paolo Furrer)

La Casertana celebra una rete al San Filippo 

Altra “X” nel 1975-76 (1-1, 20′ Hellies (M), 51′ Martina). Nel 1978-79 fu un rigore trasformato da Cinquegrana al 61′ a regalare la vittoria ai giallorossi. Dal 1983-84 tre successi di fila per 2-1 da parte del Messina. Nel primo Schillaci (52′) e Pedrazzini (80′) firmarono la rimonta dopo il vantaggio siglato dall’ex giallorosso Ianniello (47′). Quindi, in due occasioni decisivo Catalano: nel 1984-85 andò a segno dopo Caccia (57′) e Mariotti (72′), mentre nel 1985-86 il fantasista spezzò la situazione di parità originata dai gol di Orati (20′) e Suppa (66′). Finì, invece, 1-1 in B, nel 1991-92: reti di Suppa (40′) e Marino (45′) e amara retrocessione per entrambe al termine della stagione. Il 30 agosto 1992, nella prima giornata di C1, i campani si imposero invece per 1-0. Di Moretti, al 32′, il gol partita.

L'ingresso in campo di Messina e Casertana

L’ingresso in campo di Messina e Casertana

In Serie D 2010-11 il nuovo incrocio, con i padroni di casa che prevalsero per 1-0 grazie ad un gol del fantasista Catania all’84’, battendo la formazione allora allenata da Grassadonia. Il 30 marzo 2014 l’ultima affermazione del Messina, utile nella rincorsa al primo posto nel torneo di Seconda Divisione. Gol lampo dopo appena 12″ ad opera di Ferreira con un tiro dal limite e la complicità di una deviazione. All’8′ della ripresa è Corona a chiudere i conti con una precisa parabola dai trenta metri, dopo l’uscita avventata di Fumagalli. Marcatura celebrata da “Re Giorgio” con una insolita capriola. Gli ospiti accorciano poi le distanze con il rigore di Mancino, determinando il 2-1.

Giorgio Corona al tiro nel match con la Casertana (foto Paolo Furrer)

Giorgio Corona al tiro nel match con la Casertana 

Clamorosa la batosta del 28 settembre 2014. I “falchetti” passeggiano per 1-5, dilagando già nel corso del primo tempo e condannando così il Messina alla seconda goleada consecutiva al “San Filippo” dopo quella subita contro il Matera. Match subito senza storia: in rete Antonazzo, Bianco (doppietta), Alessandro e Mancosu. Nella ripresa Stefani dal dischetto per il gol della bandiera in un pomeriggio difficile da dimenticare. L’ultimo precedente è datato 30 aprile 2016. Gara di fine stagione, terminata 1-1. A Mancosu, in gol al 4′, ha risposto Mileto, a segno di testa al 68′.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva