Ottima prova per la scuderia “Phoenix” al “Rally del Tirreno”

PhoenixPhoenix

Lo scorso 9 agosto gli atleti della scuderia “Phoenix” si sono distinti nel “Rally del Tirreno”, gara valida per la Coppa Italia 3ª Zona, il Campionato Regionale (Ceoff. 1,5), il Trofeo Rally Sicilia (Coeff. 2), oltre al Campionato Siciliano Under 25, Peugeot Competition Regionale (Coeff. 1,5) e Trofeo Renault Clio R3 ed R3T.

Giuseppe Nucita e Nico Salvo

Giuseppe Nucita e Nico Salvo

In particolare Giuseppe Nucita e Nico Salvo hanno vinto cinque prove speciali su nove con la loro Peugeot 207 Super 2000. Il driver santateresino ed il copilota messinese hanno dominato il primo giro di prove fino alla quarta prova speciale, quando sono stati rallentati da una foratura all’anteriore destro perdendo oltre 28 secondi. Lo stesso Nucita si è così espresso a fine gara: “Una bella gara dove il calore del pubblico da una marcia in più. Una vettura perfetta che ci ha permesso di rimontare anche dopo i danni seguiti alla foratura”. Gara da incorniciare per lo slalomista messinese Mimmo Gangemi, navigato da Loredana Ordile su Peugeot 106, settimo assoluto e primo nella difficile classe A6 nella sua seconda gara di rally. Nella stessa classe, su auto gemella, Marco Toscano e Cristian La Torre hanno occupato il gradino più basso del podio, chiudendo la top-ten della classifica assoluta davanti i compagni di squadra Valerio Rizzo e Giuseppe Buscemi, anch’essi su 106 di classe A6. Successo nel gruppo N per i fratelli Francesco e Jessica Miuccio sulla Renault Clio Williams, mentre nella classe K10 si sono imposti Mario Lisa e Salvatore Giorgianni, a bordo della Peugeot 106. Infine gara tutta in salita per la Peugeot 106 di Giuseppe Arena e Andrea La Bella, subito alle prese con una pesante penalità di sei minuti per essere arrivati in ritardo allo start della prima prova speciale. Il team di Santa Teresa di Riva con le prestazioni dei suoi atleti ha ottenuto la seconda piazza nella speciale classifica dedicata alle scuderie.

 

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti