Orlando: “Persi tanti punti per strada. All’Arechi per fare risultato”

Orlando si rialza (foto Gabriele Maricchiolo)

Test contro la formazione della “Berretti” al “Giovanni Celeste” per il Messina in vista della trasferta di Salerno. L’incontro è terminato con il punteggio di 7-0 con tutti i gol realizzati dagli attaccanti: a segno Orlando e Bjelanovic con una doppietta a testa e poi una rete per Gaeta, Bonanno e capitan Corona. Non ha partecipato all’incontro Bucolo a scopo precauzionale per una botta rimediata in allenamento, mentre sia Marin che Nigro proseguono il lavoro personalizzato. Luca Orlando, oltre ad essere tra i tanti ex granata è in più un salernitano doc e non potrà che vivere una domenica speciale. “E’ una sfida particolare. Domenica affronteremo la prima della classe, ma contro le big possiamo dire la nostra e lo abbiamo dimostrato strappando punti contro Benevento, Juve Stabia e Lecce. Sarà stimolante per i tanti ex e soprattutto per chi come me è di Salerno. Vogliamo imporre il nostro gioco, su ritmi alti. Andremo dunque all’Arechi per fare risultato”.

Orlando, un ex della Salernitana

Orlando, un ex della Salernitana



Nonostante la buona prova con il Benevento il Messina si è ritrovato adesso in zona playout. Gli otto turni senza vittorie pesano. “Lecce-Martina e Barletta-Salernitana hanno riservato grandi sorprese, a testimonianza che le piccole possono farcela a battere le grandi. Da parte nostra pensavamo di poter vivere un week-end tranquillo grazie al pari con il Benevento, invece domenica ci siamo ritrovati in zona playout. Con sei o sette punti in più, invece, avremmo trascorso un Natale tranquillo. Non meriteremmo questa posizione in classifica. Dopo la gara di Salerno, alla ripresa del torneo, avremo quattro o cinque partite contro dirette concorrenti che devono consentirci di risalire. Non dovremo sbagliarle. Nelle ultime partite – prosegue Orlando – abbiamo perso tanti punti per strada, subendo alcune rimonte e non riuscendo a mantenere il vantaggio. Con il Benevento siamo riusciti a recuperare e spero che queste buone prestazioni si tramutino presto in punti”.

All’Arechi sarà la seconda volta in stagione dopo il precedente di Coppa, ma domenica, tenuto conto della posta in palio, sarà una gara completamente diversa come afferma Orlando. “Non è corretto fare paragoni con la sfida di Coppa Italia giocata ad ottobre. C’erano su ambo i fronti giocatori magari impiegati per la prima volta. Inoltre ci fu anche l’episodio del rigore non sanzionato su De Bode. Facemmo comunque bella figura”.

L'attaccante in azione

L’attaccante in azione



Da Ferrigno a Pagni. E’ la novità della settimana in casa Messina. E il nuovo ds è un ex granata. “Sappiamo che il ds Pagni ha vinto a Salerno. Alla squadra si è presentato con grande voglia di far bene. Naturalmente lo conosceremo nelle prossime settimane e ci confronteremo con lui”.

Che momento è invece per mister Grassadonia? “Il mister lo conosco bene e ha sempre dato il meglio di sè. Le parole del presidente sono state sicuramente per stimolarlo. In questo momento tocca ai giocatori fare meglio. Siamo noi che scendiamo in campo e siamo i responsabili di questa situazione”.

Commenta su Facebook

commenti