Orlandina Basket: Coach Pozzecco analizza le prestazioni e il momento della squadra

Upea Orlandina al Sant’Ambrogio, foto Reggioacanestro.it
Applausi e consensi per le giocate dei singoli non sono stati sufficienti all’Upea Orlandina per strappare il Trofeo Sant’Ambrogio agli storici rivali della Sigma Barcellona (76-96), tra l’altro trascinati dall’ex Alex Young, nel penultimo appuntamento del precampionato. 
Per i paladini di coach Gianmarco Pozzecco luci ed ombre in un’intermittenza di rendimento che seppur giustificata con il periodo della stagione evidenzia anche qualche nota dolente su cui occorre lavorare. Senza dimenticare che la squadra ha giocato priva della stellaGianluca Basile sia nel torneo di Trapani che in quello di Reggio Calabria.

Capitan Soragna ritira il trofeo per il secondo posto 
Soragna e compagni nella giornata di sabato avevano superato per 74-61 la Bawer Matera, compagine allenata dal coach Gianni Benedetto che parteciperà alla prossima Legadue Silver, ma nella finale hanno patito lo strapotere tecnico delle bocche da fuoco barcellonesi.
Il lavoro di avvicinamento al debutto nel torneo di Legadue Gold prosegue e qualche considerazione sulla tenuta difensiva e la costruzione del gioco rimangono le noti dolenti per il quintetto di Capo d’Orlando che debutterà tra due settimane sul parquet della quotata Brescia.
Nel prossimo week-end è previsto l’ultimo appuntamento con un nuovo torneo che si disputerà ad Agrigento contro i locali ed ancora le “pari categoria” di Trapani e Barcellona.
La prestazione di ieri – sottolinea Pozzecco – è stata un attimo meno positiva delle altre in questa preseason. Ma era prevedibile, la nostra rotazione non è ancora al completo e siamo arrivati a fine gara molto stanchi. Dobbiamo ancora inserire in rotazione un giocatore come Gianluca Basile e in questa fase della stagione è normale essere ancora un cantiere aperto“. 
Sappiamo – prosegue il tecnico triestino nell’analisi del momento – che ci sono squadre, come Barcellona, che partono favorite e che hanno un organico molto forte, ma questo non può essere un alibi. Noi dobbiamo essere consapevoli di potercela giocare con tutti“. 
Premio Sant’Ambrogio 2013 per Pozzecco
Siamo riusciti a provare alcune cose e a sperimentare nuove soluzioni – focalizzando l’attenzione sulle prestazioni nel Sant’Ambrogio – con gli uomini in campo. Abbiamo giocato bene contro Matera che, a mio avviso, è un’ottima squadra. E’ chiaro dobbiamo ancora lavorare e impegnarci in allenamento, stiamo cercando di capire qual è la filosofia di gioco migliore per noi, soprattutto in difesa. Contro la Bawer abbiamo speso tanto e abbiamo pagato lo sforzo il giorno dopo contro Barcellona. Nella finale per via della fatica siamo riusciti a giocare la nostra pallacanestro solo a tratti, ma anche lì eravamo rientrati in gara. Negli ultimi due quarti abbiamo reagito e mostrato carattere, poi abbiamo commesso due o tre errori e non siamo riusciti a recuperare del tutto. Contro queste squadre bisogna essere quasi perfetti“.
Manca ancora tanto – conclude Pozzecco – dobbiamo sistemare due o tre cose in questi giorni prima del campionato. Giocare ci farà bene, dobbiamo cercare di essere migliori nell’attaccare insieme e imparare dai nostri errori“.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com