Novelli: “La Gelbison non è una sorpresa. Sarà una partita diversa dall’ultima”

Cretella e CarbonaroCretella in marcatura su Carbonaro

Il clima è quello delle grandi partite. L’Acr Messina è partito in anticipo per Vallo di Lucania con obiettivo puntato alla sfida di domenica contro la Gelbison. Al “Morra” si affronteranno le prime due in classifica, ma il tecnico giallorosso Raffaele Novelli predica come sempre tranquillità: “Le prove importanti ci sono tutti i giorni. La partita è solo la conseguenza di come ci si prepara in ogni allenamento. Affrontiamo un’ottima squadra che per me non è una sorpresa. La Gelbison ha buona solidità e compattezza nelle due fasi di gioco. L’avevo vista all’andata, ha dei giocatori di esperienza in Lega Pro, è ben allenata, molto brava a restringere gli spazi, recuperare la palla e ripartire” ha commentato l’allenatore ai microfoni di Radio Night.

Raffaele Novelli

Le indicazioni di Raffaele Novelli dalla panchina (foto Nino La Macchia)

L’Acr, attesa dal terzo scontro diretto consecutivo, ci arriva da capolista dopo la vittoria di Acireale e soprattutto il successo contro il Fc nella stracittadina: “Sarà una partita diversa dall’ultima, serviranno intensità, aggressività e ricerca degli spazi. Occorreranno poi velocità di pensiero e di esecuzione, su un campo più piccolo del nostro. Sappiamo gli aspetti positivi e negativi della gara con l’Fc, su alcune cose abbiamo discusso tra di noi e abbiamo lavorato su un avversario con un’interpretazione diversa”.

Ottenere i tre punti anche in Campania darebbe uno slancio forse decisivo nella corsa alla promozione. Novelli, però, avvisa: “Tutte le partite saranno importanti fino all’ultimo secondo del campionato. Le vittorie aiutano a far crescere l’autostima e a valorizzare le proprie qualità, oltre alla fiducia dei propri mezzi. Serve dare continuità fino alla fine”.

Arcidiacono

L’esterno Pietro Arcidiacono (foto Giovanni Chillemi)

Arcidiacono, uscito per infortunio nel corso del match con l’Fc, dovrebbe saltare l’appuntamento sul campo dei cilentani: “Fa parte del calcio, quest’anno abbiamo avuto tanti infortuni e squalifiche. Sappiano bene che in buona condizione fisica Arcidiacono crea superiorità numerica, essendo brevilineo. Ha esperienza e quest’anno ha inoltre grandi motivazioni. Abbiamo fatto delle partite anche senza di lui, la squadra sa che deve dare comunque continuità”. 

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva