Nibali (VIDEO): “2013 da sogno, ora punto tutto sul Tour. E presto arriva Emma”

(foto Antonio Magazzù)
(foto Antonio Magazzù)

Vincenzo Nibali a Messina per la tradizionale Pedalata per la solidarietà (foto Antonio Magazzù)

Il 2013 è stato per Vincenzo Nibali l’anno della definitiva consacrazione. Lo “squalo dello Stretto” ha finalmente coronato il suo sogno, trionfando al Giro d’Italia. In precedenza si era aggiudicato la Tirreno-Adriatico, per la seconda volta consecutiva in carriera, ed il Giro del Trentino. Neanche la mancata affermazione alla Vuelta, dove ha chiuso sulla piazza d’onore, ha inficiato un cammino davvero esaltante.

Lo "squalo" ha posato insieme ai volontari per sostenere la lotta contro la distrofia (foto Antonio Magazzù)

Lo “squalo” ha posato insieme ai volontari per sostenere la lotta contro la distrofia (foto Antonio Magazzù)

Per il 2014 adesso il sogno è più che mai a tinte gialle. Il Tour de France è l’unica grande corsa a tappe che gli manca in bacheca. Per cercare di centrarlo rinuncerà al Giro. “La stagione passata è stata certamente da incorniciare. La prossima si preannuncia particolarmente impegnativa: c’è un calendario diverso, ma cercherò di affrontare gli appuntamenti con la stessa grinta e le medesime ambizioni. Sicuramente il Tour, come il Giro d’Italia, andrà vissuto giorno dopo giorno, perchè presenta tante difficoltà. Oltre al Tour, però, mi attendono altre corse importanti, come la Milano-Sanremo, la Liegi Bastogne Liegi e la Parigi-Nizza che gli appassionati potranno seguire in tv. La stagione comincerà comunque in Argentina, si partirà il 10 gennaio col team Astana per il Tour de San Luis”.

E' stato il piccolo Edy il protagonista delle tradizionali estrazioni (foto Antonio Magazzù)

E’ stato il piccolo Edy il protagonista delle tradizionali estrazioni (foto Antonio Magazzù)

Come tradizione il nuovo anno per Vincenzo Nibali è iniziato all’insegna della solidarietà con la pedalata benefica di Piazza Duomo, organizzata dagli “Amici di Edy”, da sempre in prima fila nella lotta alla Duchenne e Becker: “Sono rimasto a Messina per circa dieci giorni e mi sono goduto un po’ di riposo, potendo avviare la preparazione. La Pedalata è un appuntamento che si rinnova anno dopo anno per proseguire la lotta alla distrofia muscolare. Con gli Amici di Edy cerchiamo di raccogliere più fondi possibili per la ricerca”.

Il regalo più bello per Vincenzo Nibali sta comunque per arrivare. “Si chiamerà Emma, per la nascita manca poco, è prevista entro la fine del mese” aggiunge Vincenzo sulla primogenita in arrivo dalla moglie Rachele.

L’ultimo messaggio è alla sua città nativa: “Sto da due anni in Svizzera e mi trovo molto bene. Sono abituato a viaggiare, essendo impegnato per le gare. Sono andato via da Messina quando ero piccolo e ho conosciuto tanti posti nuovi, in Italia e nel mondo. Quando torno qui la vedo come una città che ha delle difficoltà, ma offre anche dei panorami mozzafiato, le bellezze dell’arte, il Duomo, la splendida Taormina e pedalare in queste strade mi fa star bene”.

Questa l’intervista video a Vincenzo Nibali realizzata nel corso della tradizionale Pedalata per la Solidarietà contro la Distrofia di Duchenne e Becker:

Commenta su Facebook

commenti