Nibali protagonista a Torino, chiude quarto: “Volevo una vittoria per i tifosi”

Vincenzo NibaliVincenzo Nibali soddisfatto per l'ottima prova

Il britannico Simon Yates ha vinto per distacco la 14/a tappa del 105/o Giro d’Italia di ciclismo, da Santena (Torino) a Torino, lunga 147 chilometri. Alle spalle del vincitore Simon Yates, a una manciata di secondi, si sono piazzati l’australiano Jay Hindley, secondo; l’ecuadoriano Richard Carapaz, terzo; Vincenzo Nibali, quarto. Il messinese, grazie alla bella prestazione, ha scalato diverse posizioni nella classifica generale. In netto ritardo l’ormai ex maglia rosa, lo spagnolo Juan Pedro Lopez Perez, che è letteralmente crollato. Carapaz, vincitore del Giro nel 2019, è la nuova maglia rosa di leader della classifica generale, con 17″ di vantaggio su Hindley, 41″ su Landa e 44″ su Almeida.

Vincenzo Nibali

Vincenzo Nibali e il pilota di F1 Antonio Giovinazzi

Tra i grandi protagonisti della frazione un generosissimo Vincenzo Nibali, tornato a spingere ed entusiasmare il pubblico italiano a dispetto della carta d’identità e del ritiro già annunciato al termine della stagione 2022: “È stata una tappa durissima perché il ritmo imposto dalla Bora era molto alto – ha ammesso il portacolori dell’Astana ai microfoni della Rai –. Peraltro è stata una giornata caldissima e quindi era difficile alimentarsi su un circuito molto nervoso sia in salita che in discesa. Sono soddisfatto, anche se cercavo la vittoria di tappa. Sapevo comunque che era difficile: ero controllato a vista. Anche se ho preso un po’ di minuti di distacco sull’Etna sono sempre considerato pericoloso, quindi è difficile sganciarsi dal gruppo dei migliori. È normale comunque, è giusto che sia così”. 

Vincenzo Nibali

Vincenzo Nibali adesso è ottavo nella generale

Dopo le sedici posizioni recuperate dal Blockhaus, Nibali compie un altro balzo in avanti in classifica, dove era già risalito al 13esimo posto. Adesso è ottavo, a 2’58” dalla vetta, ancora una volta tra i big, come è sempre accaduto in una carriera inimitabile: “Ho visto che il gruppo si è rotto due volte prima di salire sul Superga e molti corridori sono rimasti indietro con quel ritmo così elevato. Fa piacere recuperare un po’. Sono veramente molto felice dell’affetto della gente, dall’inizio del Giro il pubblico è stato eccezionale con me. Vorrei regalare un successo a chi mi è stato molto vicino con pensieri, striscioni e cartelloni. Ci vorrebbe un mese da dedicare soltanto a loro, per dirgli grazie. Durante le tre settimane di corsa però siamo sotto stress e non è mai facile essere disponibilissimo. Ci sarà magari un po’ di tempo dopo”. 

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma