Di Napoli: “In difficoltà per i risultati, ma squadra viva”. Recuperati Tavares e Gustavo

Le indicazioni di Arturo Di Napoli dalla panchinaLe indicazioni di Arturo Di Napoli dalla panchina

Contro l’Akragas l’imperativo del Messina è tornare al successo. La sfida in nottuna del “San Filippo” rappresenta l’occasione giusta per riprendere quota e mettersi alle spalle le ultime difficoltà. Arturo Di Napoli ha voglia di esultare davanti ai propri tifosi, ma le quattro gare senza vittorie non gli hanno di certo tolto il sorriso: “Stiamo disputando un buon campionato e non c’è da preoccuparsi. Tolta la sfida di Catanzaro la mia squadra ha sempre fatto la prestazione. Per ora gli episodi ci condannano evidentemente perché curiamo meno bene i dettagli, aspetto che oggi nel calcio fa la differenza. Anche se dopo Lecce non posso essere contento del risultato e di come abbiamo subito gol, però la prestazione c’è stata”.

Arturo Di Napoli in panchina a Lecce

Arturo Di Napoli in panchina a Lecce

“Non vinciamo da quattro partite – prosegue Re Artù in conferenza stampa – ma sono rimasto soddisfatto anche dopo i pareggi con Catania e Juve Stabia. L’Akragas gioca molto sulle ripartenze ed è una squadra ordinata che anche contro Lecce o Foggia non ha demeritato. Faremo di tutto per poter ottenere una vittoria, pensando a mettere fieno in cascina per raggiungere prima possibile la salvezza. Sabato si incontreranno due squadre che giocano un buon calcio ma al momento raccolgono meno di quanto effettivamente meritano. Legrottaglie, inoltre, è una persona di altissimo profilo che ha dimostrato di essere molto preparato come allenatore. Però, senza offesa per l’Akragas, è una gara alla nostra portata. Per noi sarebbe molto importante vincere per arrivare alla sosta natalizia con maggiore serenità”.

Giorgione in scivolata

Giorgione in scivolata: sarà out per squalifica

Da un lato le assenze di Baccolo e Giorgione per la completa emergenza a centrocampo, dall’altro maggiori opzioni nel reparto offensivo alla luce di due rientri importanti (Gustavo e Tavares), con il portoghese che si candida anche per una maglia da titolare: “Recuperiamo Gustavo e Tavares che sono disponibili, ma non ancora al meglio della condizione. Gustavo, essendo un brevilineo, magari è più pronto rispetto a Tavares. Sono due pedine importanti in un reparto che è in difficoltà, nonostante chi ha giocato ci abbia messo il cuore. Abbiamo elementi che hanno la tirato la carretta fino ad ora ed era fisiologico che ci fosse un calo. Tuttavia dopo Lecce ero però arrabbiato con loro, perchè i dettagli contano, soprattutto nel reparto avanzato. Oggi siamo in difficoltà di risultati, ma la squadra è viva e risponde bene. Se cambierò modulo per le assenze? Ho lavorato su più fronti, ma è la mentalità che la differenza al di là del modulo che posso cambiare o mantenere l’assetto, il 4-3-3, che ha dato grandi soddisfazioni ed equilibrio”.

L'esultanza di Tavares, al terzo centro, il primo al San Filippo

Tavares, al rientro insieme a Gustavo

Alla riapertura del mercato manca poco, ma Di Napoli preferisce rimandare la questione e quando si fa il nome di Madonia, in uscita proprio dall’Akragas, commenta: “Di mercato non parlo. In questo caso mancherei di rispetto ad una persona che stimo che è Legrottaglie, ma anche ai miei giocatori che mi hanno dato grandi soddisfazioni. Sarebbe un colpo basso nei loro confronti. Se recuperiamo Tavares e Gustavo per il reparto avanzato non è detto che si debba andare sul mercato, a meno che non si trovi un elemento a prezzi contenuti che possa fare la differenza e dunque venga sacrificato qualcuno. Sono sempre trasparente nelle scelte, i giocatori conoscono il mio credo. Essere diretti è meglio, non sono uno che prende per i fondelli”.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com