Messina-Foggia, sconfitta choc un anno fa. I giallorossi non vincono dal 1986

L'esultanza del Foggia

Il bilancio complessivo dei confronti tra Messina e Foggia è di otto successi dei giallorossi, quattro dei pugliesi e di quattro pareggi. Il primo incrocio è relativo al 1929-30, con vittoria dei padroni di casa per 1-0 nell’allora Prima Divisione. Ben più rotonda la successiva affermazione dei peloritani (4-1 in B nel 1935-36), mentre nel 1939-40 venne decretato lo 0-2 a tavolino per i pugliesi causa rinuncia del Messina. Nel 1948-49 un largo 5-0 in favore dei giallorossi, con mattatore Bertolin, autore di una tripletta. Rossoneri ancora sconfitti, 3-1, nella stagione seguente. Nel 1960-61 sorridono nuovamente i padroni di casa con Bredesen, a segno al 56’. Nel 1962-63 il Messina festeggia la storica promozione in A chiudendo proprio contro il Foggia: 2-2 con doppio vantaggio giallorosso per effetto dell’autorete di Gambino al 1’ e del gol di Brambilla al 39’, annullato dalla rimonta confezionata da Oltramari al 50’ e Nocera al 69’. Termina invece 0-0 l’unico match tra le due compagini disputato in massima serie nel 1964-65. Nel 1967-68, tra i cadetti, è Pesce su rigore al 3’ a firmare il successo del Messina.

I giocatori del Foggia festeggiano

I giocatori del Foggia festeggiano

Dopo una lunga pausa tre i confronti consecutivi in C1 dal 1983 al 1986. Il primo finisce 0-0, mentre gli altri due sono appannaggio dei giallorossi che si impongono rispettivamente per 3-0 (51′ Diodicibus, 60′ autorete di Stimpfl, 83′ Caccia) e 2-0 (25’ Schillaci, 68’ Catalano su rigore, il 19 gennaio 1986). Entrambi a favore del Foggia e sempre con il risultato di 0-2, tuttavia, i due precedenti relativi alla Serie B 1989-90 e 1990-91. Nel primo caso decisiva una doppietta di Signori (9’ e 60’), nell’altro centri di Baiano (78’) e Rambaudi (90’). Per i rossoneri allenati da Zeman, promossi in A al termine del campionato 90-91, fu il riscatto dopo il clamoroso 2-3 subìto in rimonta dal Messina nella gara d’andata. Nella stagione 1999-2000, quella del torneo di C2 vinto a suon di record dal Messina, il Foggia provò, senza riuscirci, ad ostacolare la marcia trionfale dei giallorossi allenati da Stefano Cuoghi. Il primo novembre 1999, nel posticipo serale andato in scena al “Celeste” e ripreso dalle telecamere di Raisport, la sfida si chiuse a reti bianche, nonostante lo spettacolo offerto in campo dalle due squadre. Decisivo in chiave promozione il confronto di ritorno allo “Zaccheria”, anch’esso giocato in notturna, quando fu Scaringella, sfruttando un clamoroso errore del portiere Di Masi, a siglare l’1-0. I rossoneri terminarono il campionato al quarto posto, a -14 dalla capolista, venendo eliminati in semifinale playoff.

La delusione di Iuliano

La delusione del portiere Iuliano

Il 13 ottobre 2013 l’ultimo precedente. Per il Messina fu un’autentica batosta. La squadra allora allenata da Catalano venne infatti travolta al “San Filippo” per 0-3 dai pugliesi, vivendo una delle sue giornate più nere. Di Giglio al 18′ il gol del vantaggio, approfittando di un’incertezza della difesa di casa. Raddoppio di Licata, al 26′ della ripresa e tris di Zizzari, in contropiede ed in pieno recupero.

Il tabellino di MESSINA-FOGGIA 0-3 del 13 ottobre 2013
Messina (4-2-3-1): Iuliano, Silvestri (dal 12′ st Buongiorno), Quintoni (dal 27′ st Bolzan), Bucolo, Cucinotta, Ignoffo, Parachì, Piovi (dal 5′ st Guadalupi), Corona, Lasagna, Guerriera. In panchina: Mangini, Simonetti, Gherardi, De Bode. Allenatore: Gaetano Catalano.
Foggia (3-4-3): Narciso, Grea (dal 4′ st Licata), Pambianchi, Agnelli, Loiacono, D’Angelo, Venitucci (dal 16′ st D’Allocco), Quinto, Giglio, Cavallaro (dal 31′ st Zizzari), Agostinone. In panchina: Monaco, Savarise, Sciannamè, Leonetti.
Arbitro: Gianluca Ceccarelli di Rimini. Assistenti: Alessandro Agostini di Frosinone e Veronica Vettorel di Latina.
Marcatori: al 18′ pt Giglio, al 26′ st Licata, al 49′ st Zizzari

Commenta su Facebook

commenti