Messina, Bossa: “Non abbiamo fatto nulla, ora bisogna battere anche la Cittanovese”

Bossa, Biondi e CocimanoBossa e Biondi celebrano Cocimano (foto Nino La Macchia)

Conquistata la prima vittoria del campionato il Messina è proiettato alla sfida esterna di domenica contro la Cittanovese. Sotto la guida del tecnico Pietro Infantino la squadra ha disputato una partitella a ranghi misti per provare le soluzioni tattiche in vista del match in terra calabrese. Venerdì è previsto un solo allenamento nel pomeriggio.

Fabio Bossa, centrocampista del Messina (foto Nino La Macchia)

Questo il pensiero del centrocampista Fabio Bossa, intervistato dal sito ufficiale dell’ACR: “Sicuramente la vittoria contro il Marsala ci ha fatto bene, ma non dobbiamo accontentarci perché non abbiamo fatto ancora niente. E’ stata solo una semplice vittoria, dobbiamo pensare alla partita di Cittanova per cercare di vincere anche lì. Vincere aiuta a vincere, oltre che ad allenarsi meglio in settimana”.

“Con il Marsala – prosegue il giocatore giallorosso – mi è piaciuta la nostra reazione, perché dopo essere andati in svantaggio non era facile recuperare per la situazione che si era creata dopo le due sconfitte, invece siamo stati bravi a chiudere il primo tempo sul 3-1″.

“Ho giocato lì lo scorso anno – dice Bossa parlando del prossimo avversario – troveremo un campo molto piccolo, dove ci meno spazi rispetto al San Filippo, oltre che più veloce essendo un sintetico, ma questo non dovrà costituire per noi un alibi”.

Bossa

Un primo piano di Bossa (foto Nino La Macchia)

Dopo le due nette sconfitte contro Bari e Igea Virtus la reazione c’è stata. Presto per dire se i giallorossi sono usciti dal tunnel. Il Messina è infatti chiamato a dar seguito al successo per 3-2 ottenuto a spese del Marsala. Bossa prova a spiegare il momento: “Il nostro è stato più un blocco mentale, come individualità non siamo inferiori a nessuno. Dobbiamo lavorare ancora di più, assimilare i concetti di questo nuovo 4-3-3 e andare avanti per la nostra strada”.

Commenta su Facebook

commenti