Matese: “Contento di essere tornato. Ora voglio dare il mio contributo”

Mattia MateseIl centrocampista del Messina Mattia Matese

Dopo un campionato da protagonista a Caserta, con ben trenta presenze e un assist contro la Virtus Francavilla, il centrocampista napoletano Mattia Matese è stato costretto a vivere dalle tribune il suo primo anno in giallorosso.

Mattia Matese

Mattia Matese in allenamento a Cascia

Appena 55 minuti in campo, negli scampoli di gara contro Juve Stabia, Paganese e Palermo, prima del grave infortunio subito sul campo neutro di Vibo Valentia, che lo ha costretto a un’operazione chirurgica al ginocchio, chiudendo la sua stagione ancora prima che iniziasse davvero.

Per Matese, che nella Casertana era peraltro compagno del concittadino Luigi Carillo, il ritiro di Cascia rappresenta quindi una liberazione: “Sono contento, perché in fondo questo è anche il mio lavoro. Ho grande voglia di rimettermi in gioco perché dopo il brutto infortunio ho vissuto un anno sfortunato. Voglio cercare di mettermi in mostra e dare il mio contributo. L’anno scorso ho potuto farlo soltanto in maniera indiretta, sostenendo i compagni da bordo campo”.

Nicolò Fazzi

Il Messina da quattro giorni si allena a Cascia

Dopo il crowdfunding e la campagna abbonamenti, tornata dopo gli anni del Covid, il Messina prova a riconquistare anche l’euforia e la voglia di tornare protagonista, diradate dalla disaffezione del grande pubblico: “Le ambizioni sono alte come quelle dei miei compagni, altrimenti non saremmo qui. Daremo sempre il massimo e vedremo dove arriveremo. L’unico obiettivo che mi pongo è non avere rimpianti, sarebbe la cosa più brutta”.

Matese è consapevole di potere finalmente indossare una maglia gloriosa, dal passato decisamente più illustre dell’attualità degli ultimi anni: “È un grande orgoglio indossare questa maglia, che è stata protagonista anche in serie A. Mi carica rivedere i video del “Celeste” pieno. Insieme ai miei compagni cercheremo di riportare i tifosi allo stadio, disputare un bel campionato e ricreare entusiasmo”. 

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma