Marone: “I compagni li vedo in video. Speriamo di ripagare la fiducia di tutti”

Giuffrida, Marone e CoriaGiuffrida, Marone e Coria (foto Giovanni Chillemi)

Il campionato di serie D è fermo per un’emergenza sanitaria senza precedenti, che ha già originato 2500 decessi in Italia. Il Fc Messina ha posticipato ancora la ripresa degli allenamenti, che a questo punto slitta ad aprile, se non ancora oltre.

Giuffrida e compagni proseguono quindi la preparazione individualmente, aggiornandosi con i compagni in video-chat. Lo conferma il portiere Francesco Marone. Ci sentiamo quotidianamente in video-chiamata con gli altri portieri e il preparatore Marco Mazzola, che ci impone grande professionalità nello svolgimento degli esercizi e ci detta anche la consueta dieta alimentare”.

Marone

Marone e i Testi Fracidi ad Acireale (foto Alfredo Consoli)

L’estremo difensore è rientrato nella sua Campania, in provincia di Salerno: “Sono a Cetara. Ovviamente non è lo stesso stare a casa e non sul campo di calcio. Almeno ci godiamo famiglia e fidanzata”. Il momento è molto delicato per tutto il Paese: “Spero che ne usciremo vincitori ancora una volta. Non mi era mai capitato di vivere una situazione simile. Dobbiamo restare tutti uniti, come una squadra sul campo, per ripartire poi più forti di prima”.

Marone però intravede una luce in fondo al tunnel: “Sono fiducioso. Penso che torneremo a giocare presto. Ci sentiamo con tutti i compagni, anche dodici o tredici persone in contemporanea. Alcuni sono a Messina, altri fuori sede. Gli stranieri sono con il vice allenatore Cesar Grabinski a Rometta”.

Domenico Marchetti

Domenico Marchetti è il leader della difesa (foto Alfredo Consoli)

Il bilancio, personale di squadra, è sicuramente positivo: “Come gruppo cerchiamo di migliorarci sempre. Il terzo posto è a un punto, speriamo di conquistarlo presto. Sono contento e spero di continuare così. Ho trovato uno spogliatoio fantastico, unito, fin dai primi giorni. Mi sono inserito alla grande, ancora meglio di Portici”.

Con la formazione napoletana, adesso un po’ in difficoltà dopo i play-off del passato torneo, erano arrivate le prime 35 apparizioni in serie D: “Sono stati inseriti nel girone G, che è molto tecnico, e stanno incontrando qualche difficoltà in più, ma spero si possano salvare senza play-out. Anche la Paganese in C è stata una bella esperienza, formativa. Sento ancora qualche compagno”.

Marone

Un’uscita sicura di Francesco Marone (foto Jonny Fusca)

Il portiere del Fc Messina assicura che il feeling con i compagni di reparto è immutato, anche se Aiello ha trovato meno spazio negli ultimi mesi: “Per me era un gruppo totalmente nuovo, ma mi hanno stupito tutti per applicazione. Con i ragazzi ci confrontiamo, siamo uniti, e al di là della retorica non c’è un titolare”.

Ad aiutare Marone anche la terza retroguardia meno battuta del girone, dopo quelle di Savoia e Palermo: “In difesa abbiamo risposto bene a squalifiche e infortuni e poi c’è Domenico Marchetti, che ha giocato anche con una spalla lussata. Un vero leader. Dobbiamo riconquistare il calcio che conta per Messina e con questo gruppo è possibile”.

Marone

Marone è arrivato a Messina nel corso della sessione invernale

Tra le poche note stonate c’è il rendimento del reparto avanzato, con una sola rete realizzata nelle ultime cinque trasferte. Pesano le assenze di Aladje e Carbonaro? “Anche senza di loro abbiamo fatto bene e si fanno trovare tutti pronti, anche i più giovani. Lo 0-0 di Acireale, su un campo molto ostico, vale tanto. Peccato piuttosto per le occasioni sprecate anche lì”.

Sono finalmente in aumento le presenze allo stadio. Marone è ovviamente soddisfatto per l’apporto del gruppo organizzato che ha recentemente sposato la causa: “Fa soltanto piacere. Il tifo è il nostro dodicesimo uomo, speriamo di dargli soddisfazioni”. L’attuale incertezza non ha consentito di pianificare il possibile futuro: “Non abbiamo ancora discusso della prossima stagione. La priorità adesso è la salute di tutti, poi penseremo a concludere il campionato”.

The following two tabs change content below.
Francesco Straface

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

Commenta su Facebook

commenti

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva