L’Orsa fa il blitz al PalaPadua. Al PalAlberti può chiudere i giochi per la finale

Orsa BarcellonaRagusa-Orsa Barcellona (foto Virtus Ragusa)

Si aprono le danze delle semifinali play off del campionato di basket di serie C Silver e in un Pala Padua gremito di spettatori scendono in campo la Virtus Ragusa e l’Orsa Barcellona. Due squadre che negli anni si sono scontrate tante volte e che adesso si ritrovano una di fronte all’altra per strappare il biglietto che li porta in finale. Entrambi gli schieramenti scendono in campo con la consapevolezza che ogni errore può essere fatale in termini di risultato.

I primi due punti dicono Barcellona per mano di Alberione ma la Virtus risponde subito con Andrea Sorrentino. L’avvio è al cardiopalma. Il Barcellona corre più veloce e tiene a distanza i padroni di casa grazie a Mancasola che da fuori area non perdona. Anche Clifford finalizza sotto canestro. La difesa ospite è impermeabile ad ogni tentativo offensivo della Virtus. Nella seconda frazione di gioco la musica non cambia. Il Barcellona continua la sua scalata in avanti e la Virtus insegue a distanza. Gli uomini di Beto Manzo sono più precisi in area e riescono a conquistare un break importante (34-16). I ragusani grazie al capitano Sorrentino e a due sue triple consecutive prendono coraggio e cominciano a far girare maggiormente palla. Ma gli ospiti non si fanno trovare impreparati e marciano spediti in area con le ottime giocate di Opalevs. A 2 minuti dalla fine i barcellonesi riescono a mantenere un certo distacco dai ragusani (20-39). Salafia sotto canestro riesce a smarcarsi e finalizzare ma non basta per rialzare la china.

Orsa Barcellona

Orsa in difesa (foto Virtus Ragusa)

Al ritorno dal riposo lungo i padroni di casa rientrano in campo più agguerriti. Il gioco si fa più fluido e più dinamico sotto canestro. Salafia si fa più incisivo in area e questo galvanizza la squadra. Anche in difesa il quintetto di coach Di Gregorio si chiude negando ogni tentativo ospite di realizzare. Alla fine del terzo quarto i ragusani sono più vicini agli ospiti (39-45). L’ultimo periodo si fa più bollente. La posta in gioco è alta e nessuno delle due squadre vuole mollare la presa. I padroni casa provano a mettere il piede sull’acceleratore. Salafia sempre protagonista sotto canestro coadiuvato dai fratelli Sorrentino mette dentro punti che danno maggiore respiro alla squadra. L’ultimo minuto si gioca ad altissimi ritmi. Il distacco tra le due squadre è di 4 punti a favore del Barcellona. Si corre da una parte all’altro del campo. Una tripla di Alessandro Sorrentino riaccende le speranze dei ragusani ma i barcellonesi non si fanno cogliere impreparati e grazie ai tiri liberi dopo un fallo a loro favore chiudono la partita con il risultato finale di 52 a 56.

“È stata una partita – commenta a caldo il capitano Alessandro Sorrentino – in cui abbiamo perso lucidità regalando i primi due quarti al Barcellona. Tornati in campo dopo il riposo lungo però avevamo trovato maggiore compattezza di squadra riuscendo a recuperare l’ampio break che si era creato. Abbiamo preso coscienza dei nostri errori e se riusciremo a giocare in gara 2 cosi come abbiamo fatto dal terzo quarto in poi sono certo che possiamo battercela a viso aperto con i nostri avversari. Adesso bisogna lavorare sodo per preparare al meglio il prossimo incontro cercando di trovare la lucidità che nelle partite importanti fa la differenza”.

VIRTUS RAGUSA – OR.SA. BARCELLONA 52–56
Parziali: 8-16; 24-39; 39-45
Virtus Ragusa: Nardi 5, Chessari 5, Vacirca, Girgenti, Sorrentino And. 10, Dinatale, Causapruno ne, Carnazza, Salafia 14, Ferlito 2, Canzonieri 2, Sorrentino Ale. 14. All.: Di Gregorio
Orsa Barcellona: Clifford 10, Salvatico, Opalevs 15, Alberione 4, Brusca, Vavoli 6, De Simone 2, Antoniani ne, Floramo, Mancasola 17, Miranovic 2, Faye. All. Manzo
Arbitri: Moschitto – Barbagallo

Commenta su Facebook

commenti