L’Orlandina ha mostrato maggiore cinismo e concretezza nel derby del “Celeste” (5 VIDEO)

L’attaccante del Città di Messina Manfrè pressa un avversario
(scatto Giovanni Isolino)

È andato ad un’Orlandina cinica ed in salute il derby del “Celeste” con il Città di Messina. I paladini hanno monetizzato al massimo le occasioni concesse dagli avversari, un po’ ingenui soprattutto in avvio, quando Frisenda ha sfruttato al meglio una deviazione sfortunata della retroguardia avversaria ed il precedente recupero di Crinò. In avvio era stato invece il promettente under Martusciello a centrare il palo sotto misura.

Poi la formazione di Raffaele ha sfoggiato principalmente una grande solidità difensiva, come testimonia l’unica rete al passivo dopo quattro giornate. Con dieci punti all’attivo e l’unico pareggio maturato sul campo della Gioiese, i biancazzurri, incitati in trasferta da un buon gruppo di sostenitori, si issano così, proprio a pari merito con i calabresi, in seconda posizione, alle spalle del lanciatissimo Savoia, che non ha badato a spese pur di allestire un’autentica corazzata, probabilmente già pronta per recitare da protagonista tra i professionisti, grazie principalmente ad un attacco stellare, che ha già realizzato quindici reti in appena 360’ di gioco.

Il difensore dell’Orlandina Russo (peraltro un ex) opera un
rinvio nel corso della sfida del “Celeste”

I padroni di casa possono rammaricarsi per un doppio salvataggio sulla linea di Crinò e per le chance costruite da Vella su azione e da Camarda su calcio piazzato e neutralizzate dall’attento Pandolfo. Il tecnico Di Maria, allontanato con eccessiva fiscalità dal direttore di gara, si è rammaricato per la mole di gioco non finalizzata e per l’atteggiamento attendista dell’avversario. L’Orlandina aveva comunque studiato al meglio i giallorossi ed è riuscita a limitare la verve di Manfrè, autore di tre reti nelle due precedenti uscite con Agropoli e Vibonese.

Poi nella ripresa è stato ancora Crinò a punire chirurgicamente la difesa peloritana, nell’occasione apparsa nuovamente in affanno. Al cospetto di un avversario molto giovane ha pesato probabilmente la maggiore esperienza degli over paladini. Al Città di Messina non è bastato neppure l’apporto del neo-acquisto Buscema, under tra i più quotati dell’intera categoria, reduce da un eccellente biennio a Ragusa ed in estate non a caso vicino al trasferimento al Torino. Un regista che può coesistere con Camarda, costituendo una coppia di assoluto spessore, in grado di ispirare al meglio i compagni.

Domenica prossima è in programma la trasferta a Ragusa, sul campo di un avversario in crisi societaria e di risultati, nell’attesa vana di ottenere i transfer di alcuni stranieri già aggregati da settimane e soprattutto i primi emolumenti annunciati dalla nuova proprietà subentrata in estate. Sottovalutare l’impegno potrebbe però rivelarsi fatale, come capita spesso in queste occasioni. L’Orlandina ospiterà invece il Torrecuso in un’inedita sfida d’alta classifica. I campani hanno appena fermato la corsa dei cugini della Cavese, sempre vittoriosi nelle prime tre uscite.

Questa la sintesi video della gara tra Città di Messina ed Orlandina:
http://www.youtube.com/watch?v=auJV3kwh2Yc&list=UUa3R2aylGuHfAygKLePyG5g
Questa l’intervista video all’allenatore del Città di Messina Gaetano Di Maria
http://www.youtube.com/watch?v=6_ND47YlONo&feature=c4-overview&list=UUa3R2aylGuHfAygKLePyG5g
Questa l’intervista video all’allenatore dell’Orlandina Giuseppe Raffaele:
http://www.youtube.com/watch?v=hAID8YzYSYg&list=UUa3R2aylGuHfAygKLePyG5g

Questa l’intervista video al presidente del Città di Messina Elio Conti Nibali:

Questa l’intervista video al centrocampista del Città di Messina Mirco Camarda:
http://www.youtube.com/watch?v=Tq9i3ISPIPQ&list=UUa3R2aylGuHfAygKLePyG5g
The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti