Lo Sport Patti si ferma a Canicattì. Massima concentrazione sul derby con l’Fp Sport

Lo Sport È Cultura Patti dopo quattro successi consecutivi è costretto ad incassare il primo ko. A Canicattì i bianconeri cedono 89-70 contro la Virtus nel recupero della prima giornata di serie C Silver. Questa vittoria consente al team di coach Beto Manzo di rimanere a punteggio pieno con 10 punti in classifica (ancora con una gara da recuperare) e affiancare Costa D’Orlando e Cocuzza, inserendosi prepotentemente nella lotta al vertice. Dall’altra parte, la squadra di coach Sidoti, guarda avanti, condizionata dal passaggio a vuoto del secondo quarto, ma è già focalizzata sull’impegno casalingo di domenica contro l’Fp Sport Messina.
Patti schiera Nino Sidoti, Saintilus, Custis, Costantino e Bolletta, i biancorossi di coach Manzo rispondono con Dieye Papa, Giusti, l’americano Mancasola, Spampinato e Portannese. L’approccio alla partita per lo Sport È Cultura è ottimale, subito ottima intensità in difesa e buoni tiri in attacco che permettono di andare sopra di 5 punti nel primo parziale di gioco (15-20). Nel secondo quarto, come detto, cambia tutto: le percentuali al tiro scendono, errori difensivi e nervosismo creano ottime occasioni per rientrare alla Virtus che riesce a capitalizzare il massimo dagli errori della squadra pattese, chiudendo all’intervallo sopra in doppia cifra di vantaggio, 13 punti (47-34 e pesante break di 32-14). Il parziale è di quelli pesanti, si torna in campo nel secondo tempo ma non cambia il registro, la squadra di coach Manzo mantiene il vantaggio in un quarto tutto sommato equilibrato e Patti non riesce a dare intensità e continuità ai propri giochi offensivi. Gli ultimi 10 minuti iniziano col tabellone che segna 64-47 per Canicattì, la squadra di coach Sidoti ormai è uscita dal match ed il +19 finale segna la resa, confermando Canicattì squadra molto temibile, specie fra le mura amiche.

(foto Lazzara)

(foto Lazzara)

Lo Sport È Cultura non è riuscito a dare continuità ai primi 15 minuti di gioco, troppi gli errori ai liberi (ben 15 sbagliati dalla linea della carità), il metro arbitrale apparso non coerente durante la gara e tanti tiri aperti non messi a referto, che pesano sull’esito della trasferta. Una sconfitta a Canicattì comunque poteva starci e non cancella l’ottimo inizio della squadra che è già tornata al lavoro per la partita di domenica contro l’F.P. Sport Messina alle ore 18:30. Trasformare le negatività in energia positiva per tornare a fare punti in classifica, questo l’obiettivo che Patti proverà a raggiungere domenica al PalaSerranò, in un derby alla vigilia da “1 fisso” e con la certezza  di essere accompagnati dal proprio pubblico, chiamato a supportare questi ragazzi che si propongono di recitare un ruolo da protagonisti.

Virtus Canicattì-Sport Patti 89-70
Parziali: 15-20; 32-14; 17-13; 25-23
Virtus Canicattì: Giusti 21, Griffin 16, Portannese 15, Mancasola 12, Colica 12, Spampinato 4, Dieye Papa 3, Brancato 3, Uka 2, Manzione. All. Beto Manzo
Sport È Cultura Patti: Saintilus 29, Costantino 11, Sidoti Nino 9, Bolletta 8, Custis 6, Busco G. 5, Lumia 2, Busco M., Sidoti Ale n.e., Ettaro n.e., Anzà n.e., Marabello n.e. All. Pippo Sidoti

Commenta su Facebook

commenti