Lamazza: “Contento per Mascari e Rinaldi, ora vogliamo il sesto posto”

Francesco LamazzaIl direttore sportivo del Messina Francesco Lamazza ai nostri microfoni

Il direttore sportivo Francesco Lamazza può celebrare il ritorno al successo, contro l’Ercolanese, che non si aspettava probabilmente un avversario così determinato: “Si sbaglia chi pensa di trovare un Messina rassegnato. Ci siamo sempre detti invece che avremmo dato il massimo fino alla fine. Ci tenevamo tantissimo a vincere questa partita, anche perché ricordavamo come era finita all’andata. I ragazzi hanno offerto una grandissima prestazione. Sono contento per Mascari, che nell’ultimo mese aveva subito degli infortuni. Fare gol lo aiuta: era ed è una risorsa importante per noi”.

Mascari

Mascari è tornato al gol (foto Giovanni Chillemi)

Neppure il lungo stop inflitto al tecnico ha scoraggiato un Messina di certo poco fortunato nel girone di ritorno: “Come gruppo siamo sempre stati compatti. Era un momento storto. Non voglio più tornare sulle squalifiche di Modica e Prisco, se ne sono già dette tante. Pensiamo al calcio giocato.”.

Quello con l’Ercolanese doveva rappresentare lo spareggio decisivo in ottica play-off: “Fino a qualche settimana fa questa partita doveva rappresentare la decisiva dead-line, nella quale ci saremmo dovuti giocare tutto. Faremo i conti alla fine. Dobbiamo vincere tutte le partite che ci restano, senza fare calcoli né pensare ai playoff che restano lontani. L’importante è arrivare il più in alto possibile”.

Lamazza e Rinaldi

Il direttore sportivo Lamazza e il portiere Rinaldi

ACR più forte anche delle assenze dello squalificato Prisco e dell’infortunato Meo:Rinaldi tra i pali ha fatto benissimo. Attendeva da tempo la sua chance ed è arrivata. Sono davvero contento per lui, oltre che per Agostino”.

Con il Palazzolo si recupererà già mercoledì 4 aprile e non l’11, come avrebbero preferito i peloritani: “Inutile rammaricarsi ancora, ormai è così. Ritorneremo in campo ancora più carichi, potrebbe avvicinarci al sesto posto. Questa partita in meno va sfruttata per avvicinarci ancora di più ai piani alti. Sono qui per augurare al popolo giallorosso una buona Pasqua, che vivremo con tranquillità. Oltre non guardo, faremmo retorica, anche perché ce lo ripetiamo spesso. Non c’è alcun problema”.

Commenta su Facebook

commenti