Lamazza: “Ci siamo concentrati sulle cessioni. Ora tre under, poi vigili sul mercato”

Francesco LamazzaIl direttore sportivo del Messina Francesco Lamazza ai nostri microfoni

Quattro entrate e ben dodici uscite, che hanno ridotto la rosa alle attuali 22 unità. In realtà almeno tre arrivi sono previsti a breve, con gli under Gattabria e Serleti già aggregati, mentre il cosentino Marco Stranges potrebbe approdare a Messina a inizio gennaio.

Salvatore Serleti

Per Salvatore Serleti l’anno scorso 11 presenze a Rende, poi 12 nella Caratese

Il direttore sportivo Francesco Lamazza stila, con onestà, il suo personale bilancio: “È stata una sessione destinata principalmente alle cessioni. Ora cercheremo di andare a completare l’organico, perché ci sono state tante uscite. Il mister può lavorare meglio in campo, era impossibile farlo con trenta atleti. Abbiamo anche risparmiato un po’, abbassando il monte ingaggi”.

La presenza a Messina dell’ex palermitano Emanuele Gattabria (appena svincolato dall’Igea Virtus) e dell’ex crotonese Salvatore Serleti (in uscita dal Delta Porto Tolle) è già un indizio e il dirigente lombardo conferma l’intenzione di aggiungere un altro juniores per reparto: “Ci servono degli under, ci stiamo lavorando. Li prenderemo grazie alla collaborazione di alcune società di categoria superiore. Poi resteremo vigili sul mercato degli svincolati per pescare eventualmente degli over. A gennaio d’altronde apre la finestra destinata ai professionisti. E la prima gara del 2018 con il Portici potrà essere preceduta anche da un richiamo della preparazione atletica”.

Marco Stranges

Marco Stranges in azione con la “Berretti” del Cosenza

Per Lamazza la priorità deve però essere rappresentata dal match con l’Isola Capo Rizzuto fanalino di coda, semplice soltanto sulla carta: “Il pensiero deve essere rivolto all’ultima partita del 2017. Vogliamo concludere al meglio il girone d’andata contro un avversario che domenica ha bloccato una corazzata come la Vibonese. È una gara tutt’altro che facile. Il mercato ha distratto un po’ tutti ma adesso è finito per questa rosa, che dovrà soltanto essere integrata e non più ridotta”.

Per Modica, dopo Yeboah, Rinaldi e Granado, dal mercato è arrivata soltanto un altro volto nuovo, a lui già noto, quello del centrocampista Domenico Bettini: “Il mister lo conosce bene ed io lo ricordo giovanissimo ai tempi del Torino. È un ottimo giocatore, che si sposa benissimo con il nostro modulo e che può anche ricoprire più ruoli”.

Commenta su Facebook

commenti