L’Akademia Sant’Anna prepara i play off. Ferro: “Formula nuova per tutti”

Fabiola FerroFabiola Ferro tra i volti nuovi dell'Akademia Sant'Anna

Per Fabiola Ferro è già passato il periodo di ambientamento nell’Akademia Sant’Anna. La schiacciatrice arrivata dal Modica si è pienamente inserita nel gruppo sotto le direttive del tecnico Nino Gagliardi. Sono giorni intensi anche se il campionato riprenderà ancora tra qualche settimana. «Si sta bene qui, si lavora tanto e bene. Mister Gagliardi rimane una certezza nel suo ruolo, la società è come me l’aspettavo, seria e ben strutturata, non mi ha fatto mancar nulla accogliendomi sin da subito a braccia aperte. Le ragazze sono un bel gruppo dentro e fuori i 9 metri e questo rappresenta un valore aggiunto alla serenità».

Fabiola Ferro

La schiacciatrice Fabiola Ferro disputerà i playoff con l’Akademia Sant’Anna

C’è tanta concorrenza e, infatti, il livello degli allenamenti è molto alto però rappresenta anche uno stimolo. «Assolutamente sì, il livello di questo campionato è stato molto alto in termini di gioco, dalla prima alla quarta di ogni “mini girone” sono presenti squadre di tutto rispetto e tra queste ci siamo anche noi, per cui vedremo… Saranno battaglie difficili ma sicuramente ricche di ottima pallavolo».

Ancora l’Akademia non conosce il prossimo avversario, però c’è questa formula che non consente errori. «È un’esperienza nuova per tutti, con due gare secche ed eventuale golden set nella seconda gara. Almeno il quarto di finale lo giocheremo in casa, poi si vedrà… La prossima settimana sapremo con più probabilità chi potrebbe essere il nostro avversario tra Arzano e Fiamma Torrese ma fa poca differenza chi sarà, perché giocare i playoff è sempre un’opportunità stimolante ma difficile allo stesso tempo, a prescindere dal nome dell’avversario».

Akademia

Il tecnico Nino Gagliardi
parla con la squadra durante un allenamento

In ogni caso, tra le messinesi c’è la consapevolezza che quelle dei play off saranno partite da affrontare dando tutto. «Sicuramente con determinazione, consapevolezza e con il coltello tra i denti – conclude Fabiola Ferro –. Su due gare secche c’è poco da recuperare… Bisogna vincerle se si vuole andare avanti senza pensare troppo a chi si ha davanti ma cercando di imporre il proprio gioco, con tutto ciò che puoi buttar dentro il campo non solo in termini di “palla”».

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva