L’Acr pareggia in dieci con la Gelbison: 2-2 di Addessi. Foggia, che ingenuità!

UlianoUliano decisivo con una doppietta

Occasione persa per i giallorossi nel recupero della sesta giornata al “Franco Scoglio”. Vanno due volte avanti i campani con il capitano, Bollino e l’ex della Cavese a segno per la squadra di Novelli. Il centravanti, espulso per doppia ammonizione alla fine del primo tempo, ha costretto i padroni di casa all’inferiorità numerica. 

Uliano

Il rigore trasformato da Uliano

La cronaca: Al “Franco Scoglio” si recupera la sfida della sesta giornata tra Acr Messina e Gelbison. Terreno pesante per l’abbondante pioggia, la luce è tornata soltanto a ridosso del calcio d’inizio. Al 6’, sulla punizione di Cretella, c’è la deviazione di Lomasto, ma D’Agostino blocca in due tempi. Due minuti più tardi l’episodio che consente alla Gelbison di passare. Foggia, in barriera, tocca con il braccio sulla punizione battuta da Uliano, per Sicurello non ci sono dubbi ed è calcio di rigore. Dal dischetto proprio il capitano dei campani trasforma, siglando l’1-0. La reazione della squadra di Novelli non si fa però attendere. Cretella tenta la conclusione al 14’, non impensierendo il numero uno ospite. Un altro calcio piazzato decisivo, questa volta per l’Acr. Ci pensa su punizione Bollino, al 17’, a riequilibrare la partita, beffando il portiere con l’ausilio di una deviazione che rende la traiettoria imprendibile. La pressione dei padroni di casa aumenta ancora di più. Vacca, al 25’, impegna D’Agostino che respinge e poi, al termine di un’azione insistita dei giallorossi, blocca la sfera sul tiro di Aliperta. Diagonale di Foggia al 29’, sfruttando la bella combinazione sull’asse Cascione-Bollino, ma D’Agostino non ha difficoltà a bloccare a terra. Arriva invece il nuovo vantaggio della Gelbison. Al 32’ Uliano colpisce dai trenta metri, Lai si fa sorprendere dalla conclusione forte ma centrale del capitano ospite ed il Messina è costretto ancora a rincorrere. Giallorossi ad un soffio dal pareggio al 40’: D’Agostino si salva sulla punizione di Aliperta, poi Sabatino non riesce a centrare lo specchio concludendo in mischia, con Montuori provvidenziale per i suoi. Altra doccia gelata per l’Acr subito prima dell’intervallo. Foggia, già ammonito in occasione del rigore concesso alla Gelbison, rimedia scioccamente il secondo cartellino giallo e si fa cacciare per un intervento fuori tempo ai danni di D’Orsi. Si va al riposo con gli ospiti avanti di un gol e in superiorità numerica.

Gelbison

La Gelbison celebra la doppietta di capitan Uliano

Novelli, alla ripresa, manda in campo Addessi per Vacca. Al 3’ è la Gelbison a rendersi pericolosa con la girata di Figliolia che spedisce di poco a lato. Il neo entrato Addessi ci prova dalla distanza, D’Agostino blocca in presa. All’8’ è sempre l’ex della Cavese ad avere sui piedi la palla del 2-2, ma sul suggerimento di Bollino si fa letteralmente ipnotizzare da D’Agostino, bravissimo a respingere vincendo il duello. La squadra di Ferazzoli gioca con una certa cattiveria agonistica (fioccano le ammonizioni) e può contare su un portiere che si esalta nuovamente sul tentativo di Cristiani. Il Messina preme ma senza troppa fortuna. Al 20’ l’insidioso rasoterra di Sabatino si perde sul fondo, al 23’ Cristiani si inserisce in area ma calcia sull’esterno della rete. Novelli si gioca la carta Arcidiacono che rileva Bollino e poi impiega anche Crisci per Cretella. La Gelbison è ripiegata tutta a protezione del vantaggio, i giallorossi non smettono di crederci. Al 33′ è il colpo di testa di Addessi, sul cross da sinistra di Aliperta, a regalare finalmente il 2-2. Arcidiacono prova a trascinare i suoi nel finale con un paio di iniziative. Le conclusioni di Crisci e Aliperta, al 43′, peccano di precisione. Proprio al 45′ Gagliardi ha la palla del nuovo vantaggio per la Gelbison, si immola Cascione che salva con il corpo e devia in corner. Quattro i minuti di recupero, nei quali prevale decisamente la stanchezza. Il Messina non va oltre il pari, sale a 9 punti e perde l’occasione di avvicinarsi alle prime posizioni in classifica.

Acr Messina-Gelbison 2-2
Marcatori: 9’ pt Uliano (G) su rigore, 17’ pt Bollino (M), 32’ pt Uliano (G), 33′ st Addessi (M).
Acr Messina: Lai, Cascione, Giofrè, Sabatino, Aliperta, Foggia, Bollino (24’ st Arcidiacono), Vacca (1’ st Addessi), Lomasto, Cristiani (39′ st Saindou), Cretella (26’ st Crisci). A disp. Manno, Bellopede, Izzo, Mazzone, Boskovic. All. Raffaele Novelli.
Gelbison: D’Agostino, De Gregorio, Uliano, Figliolia (24’ st Pipolo), Montuori, Graziani (14’ st Romano), D’Orsi, De Foglio, Dayawa (26’ st Coiro), Maiorano (33’ st Cangemi), Coulibaly (40’ pt Gagliardi). A disp. Fortunato, Tedesco, Tagliamonti, Stancarone. All. Giuseppe Ferazzoli.
Arbitro: Marco Sicurello di Seregno (assistenti Andrea Bancherini di Terni e Elia Tini Brunozzi di Foligno).
Note – Espulso Foggia per doppia ammonizione al 46’ pt. Ammoniti: 9’ pt Foggia (M), 24’ pt De Gregorio (G), 37’ pt Coulibaly (G), 43’ pt Figliolia (G), 7’ st Montuori (G), 10’ st D’Orsi (G).

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva