L’Acr Messina si sblocca in trasferta: Bollino su rigore timbra l’1-0 a Roccella

BollinoBollino ancora una volta decisivo a Roccella (foto Paolo Furrer)

Un penalty trasformato dal numero 10 ad inizio ripresa consente alla squadra di Novelli di conquistare la sua prima vittoria fuori casa. Nel finale i giallorossi falliscono il colpo del ko e rischiano di subire la beffa proprio allo scadere. 

Cristiani

Cristiani prova a recuperare un possesso (foto Paolo Furrer)

Il pre-partita. Arcidiacono, Addessi e Crisci le tre novità nell’undici proposto da mister Novelli, costretto a rinunciare allo squalificato Foggia e agli infortunati Manfrellotti e Vacca. I locali, che dopo cinque sconfitte consecutive sono riusciti a conquistare i primi tre punti nel recupero con il Troina, in campo con un cauto 5-4-1.

La cronaca. In avvio ritmi intensi ma pochi spunti degni di nota. Il primo acuto all’11’ ad opera di Addessi, all’esordio stagionale da titolare dopo il legno colpito nel derby con il Fc e il gol contro la Gelbison: il suo sinistro alto sulla traversa della porta difesa dall’esperto Scuffia. Due minuti dopo il cross di Bollino è facile preda del portiere amaranto. Su corner da sinistra di Giofrè, Bollino manca il tap-in e, sul tentativo di ripartenza immediata di Scuffia, Sabatino viene ammonito per un’ostruzione. Alla mezzora, su calcio di punizione dalla sinistra, la palla arriva sulla testa di Malerba, che manda sul fondo da buona posizione. Risponde Crisci, ma la conclusione si spegne a lato.

Scuffia

Un’uscita dell’esperto portiere del Roccella Scuffia (foto Paolo Furrer)

Sabatino è decisivo poi su Cappellini, che calcia a botta sicura ma vede respinta la sua conclusione con il corpo dall’avversario: il direttore di gara non ravvisa alcuna irregolarità nell’occasione, ma i padroni di casa sono andati a un passo dal vantaggio. Poi ci prova Malerba da fuori area ma la conclusione è fuori misura. Al 37’ invece la migliore occasione degli ospiti, con Arcidiacono che tira di prima intenzione di sinistro, trovando la provvidenziale deviazione di Scuffia con il piede. Per i padroni di casa invece un bel contropiede dei padroni di casa con Malerba steso da Cascione, che finisce sul taccuino dei cattivi. Prima dell’intervallo lo imiterà anche Bollino, con un duro intervento a centrocampo. Squadre al riposo sullo 0-0. Grande agonismo e generosità dei locali, che cercano di ovviare all’evidente gap tecnico.

Bollino

Il rigore decisivo di Bollino (foto Paolo Furrer)

In apertura di ripresa, sulla punizione calciata in mezzo da Giofrè, è Imbriola a rischiare l’autogol, deviando in corner per anticipare Addessi. Il Messina continua a premere e trova l’occasione per sbloccare il risultato al 6′. Cross da sinistra di Giofrè, intercettato con un braccio da Coluccio. L’arbitro indica immediatamente il dischetto. Dagli undici metri è tutt’altro che perfetta l’esecuzione di Bollino che riesce comunque a far passare il pallone sotto il corpo di Scuffia, siglando l’1-0. Il numero 10 va così ancora in gol dopo il momentaneo 1-1 contro la Gelbison di domenica scorsa. Il Roccella prova a riordinare le idee, ma è Aliperta a rendersi pericoloso con una conclusione dalla distanza, bloccata in due tempi dal portiere calabrese.

Bollino

Bollino uno degli ammoniti del match

La difesa del Roccella è assai imprecisa nel manovrare, ne approfitta Bollino che viene steso da Coluccio per evitare guai peggiori. Ammonizione per il difensore e invitante punizione quasi dal limite per i peloritani. Batte Aliperta, con la sfera che termina non distante dall’incrocio dei pali. Nuovamente la squadra di Novelli al tiro: conclusione improvvisa scoccata da Arcidiacono, con Scuffia attento a respingere in tuffo, scongiurando il raddoppio. Sul fronte opposto il neo entrato Lupo si divora il pareggio, imbeccato da Carrozza, spedendo di un soffio a lato alla destra di Lai. Scampato il pericolo, l’Acr prova a controllare il risultato. Cretella per Arcidiacono è la prima sostituzione operata da Novelli. Clamorosa occasione per lo 0-2 sprecata da Bollino che si fa ipnotizzare da Scuffia, poi Cretella non è lesto nella ribattuta. I giallorossi rischiano di pagarla a carissimo prezzo, perché Pagano fallisce incredibilmente sotto porta, spedendo alto, proprio all’ultima azione utile. L’Acr Messina passa di misura a Roccella, con qualche sofferenza di troppo e torna con i tre punti dal “Ninetto Muscolo”, cogliendo la sua prima vittoria esterna.

Crisci

Crisci in mezzo a tre avversari (foto Paolo Furrer)

Roccella-Acr Messina 0-1
Roccella: Scuffia; Infusino (42′ st Riitano), Imbriola (45′ st Pietanesi), Liviera, Coluccio, Malerba; Cappellini, Citto, Rocca (21′ st Lupo), Pagano; Carrozza. In panchina: Commisso, Plati, Iacono, Cuzzilla, Amato, Favasuli. Allenatore: Francesco Galati.
Acr Messina: Lai; Cascione, Lomasto, Sabatino, Giofrè; Cristiani, Aliperta, Crisci; Addessi (47′ st Boskovic), Arcidiacono (42′ st Cretella), Bollino. In panchina: Manno, Bellopede, Saindou, Garofalo, Lavrendi, Izzo, Mazzone. Allenatore: Raffaele Novelli.
Arbitro: Fabrizio Pacella di Roma 2.
Assistenti: Marco D’Ottavio di Roma 2 e Pietro Serra di Tivoli.
Marcatori: 6′ st Bollino (M) su rigore
Note – Prima del via minuto di raccoglimento in memoria di Paolo Rossi. Ammoniti: Sabatino (M), Cascione (M), Bollino (M), Coluccio (R), Imbriola (R), Malerba (R), Addessi (M). Corner: 3-9.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva