La Nocerina passa 2-0 nel deserto del “Franco Scoglio”. Il Messina resta a zero

CavallaroLa rete di Cavallaro che ha sbloccato il match

In uno stadio desolatamente a porte chiuse la squadra di Venuto non può nulla contro una delle principali favorite del torneo. Un gol per tempo dei molossi, con Cavallaro e Russo, che conquistano meritatamente i tre punti. I peloritani riescono ad impegnare Gomis soltanto nel finale. 

Pezzella

Pezzella anticipato da Marsili

La cronaca – Debutto casalingo (ma a porte chiuse…) per il Messina che, al cospetto di una delle principali favorite del campionato, si presenta con tre novità di formazione rispetto allo sfortunato match di Mugnano. Dentro Lavrendi, Dezai e Mascari, in panchina Manetta, Rizzo e Carini. In avanti Venuto si affida ai soliti Cocuzza e Dezai. La Nocerina di Morgia, che aveva riposato nella prima giornata, deve fare a meno anche dell’indisponibile Liccardi, oltre agli squalificati Cecchi, Alvino e Vitolo. Tra i pali c’è Gomis (in ritiro con il Messina quest’estate). Tifosi costretti loro malgrado a restare fuori dallo stadio per le disposizioni della Questura. Alcuni coraggiosi assistono alla gara dalla collinetta che sovrasta il “Franco Scoglio”.

Dezai

Un’incursione dell’ivoriano Dezai

La prima occasione del match è per i molossi sul calcio di punizione battuto al 6′ da Cavallaro, da posizione defilata, con la sfera che sorvola la traversa della porta difesa da Gagliardini. La risposta del Messina è affidata alla combinazione tra Cocuzza e Lavrendi al limite dell’area, poi lo scarico per Pezzella che strozza però troppo il diagonale al momento del tiro. La Nocerina torna nella meta campò avversaria e colpisce al 12′: è Cavallaro a insaccare di testa sul suggerimento dalla destra di Russo, firmando l’1-0. Colpevole nell’occasione la retroguardia peloritana, con un Gagliardini apparso davvero indeciso. Subìto il gol, padroni di casa pericolosi al 18′ sugli sviluppi di un corner battuto da Cocuzza: Marsili salva tutto, chiudendo su Pezzella. Dietro, tuttavia, il Messina concede fin troppo. Brivido al 23′ per uno svarione di Lia che libera al tiro Cavallaro, questa volta Gagliardini sbarra la strada in uscita all’attaccante, impedendogli il sicuro raddoppio. Il copione si ripete due minuti più tardi, con Cavallaro che elude l’intervento in uscita del portiere, ma trova Lia a salvare sulla linea. La squadra di Venuto fatica a trovare gli spazi giusti, rivelandosi assai prevedibile in fase di manovra. Al 43′, sul cross dalla destra di Lia, ci prova di testa Dezai ma incoccia male il pallone. Si va al riposo sullo 0-1.

Gagliardini

Gagliardini in uscita su Cavallaro

Ad inizio ripresa Venuto modifica subito qualcosa, inserendo Bucca per Cozzolino, per cercare di sopperire alle gravi difficoltà emerse sulle corsie laterali. Esce, successivamente, uno spento Dezai per far spazio a Bonadio. La Nocerina tiene sempre il controllo del match. Il solito Cavallaro è pericoloso al 7′, ma la sua conclusione da sinistra finisce alta. Il Messina non punge, senza un vero riferimento offensivo. Al 16′ la Nocerina sfrutta così il maggiore tasso tecnico dei suoi, trovando il raddoppio con Russo, autore di una bella conclusione a giro, dopo essersi ben sistemato il pallone, su cui nulla può Gagliardini. E’ 0-2. Rizzo e Carini rilevano un Bonadio subito infortunato e Bossa. Al 23′ i campani hanno anche la chance per il tris, ma Mautone divora da centro area colpendo di testa. Sul fronte opposto di Colombini, al 26′, il tentativo di testa che si spegne di poco a lato. Con generosità i giallorossi provano almeno a dimezzare lo svantaggio. Al 38′ Migliorini impegna Gomis su punizione, diretta all’angolino basso. Qualche istante più tardi l’estremo difensore senegalese deve allungarsi sul neo entrato Rizzo per respingere una velenosa conclusione. Cinque i minuti di recupero accordati da Tucci di Ostia Lido, ma non accade più nulla. Seconda sconfitta di fila per il Messina che resta a quota zero in classifica, mentre la Nocerina di Morgia può festeggiare la sua prima affermazione del campionato. All’undicesimo tentativo i molossi sfatano inoltre il tabù, vincendo per la prima volta nella loro storia in riva allo Stretto. Per la squadra del presidente Sciotto, in vista dell’impegno esterno con la Cittanovese, ci sarà invece tanto da lavorare. Il ritardo nella preparazione e le lacune della rosa non possono essere evidentemente risolti così in fretta.

Morgia

Il tecnico della Nocerina Morgia

Il tabellino. Messina-Nocerina 0-2
Messina: Gagliardini, Cozzolino (1′ st Bucca), Lia, Pezzella (28′ st Migliorini), Cassaro, Colombini, Lavrendi, Bossa (22′ st Carini), Dezai (5′ st Bonadio; 22′ st Rizzo), Cocuzza, Mascari. A disp. Meo, Manetta, Mosca, Scopelliti. All. Antonio Venuto.
Nocerina: Gomis, Matino, Di Minico (42′ st Cavallaro Ge.), Coppola, Manzo, Mautone, Ragone, Marsili, Russo (42′ st Silvestro), Cavallaro Gi. (47′ st Accardo), Dieme (20′ st Schettino). A disp. Mennella, Barcellona, Vanacore, Ferri, Paciello. All. Massimo Morgia.
Arbitro: Fabio Tucci di Ostia Lido (assistenti Riccardo Naccari di Vibo Valentia e Marcello Montesanti di Lamezia Terme).
Marcatori: 12′ pt Cavallaro (N), 16′ st Russo (N)
Ammoniti: 15′ pt Pezzella (M), 42′ pt Coppola (N), 39′ st Di Minico (N), 41′ st Lavrendi (M)

Commenta su Facebook

commenti