La Costa d’Orlando si ferma sul più bello. Condello: “Tanti errori. A Scafati per l’impresa”

Dal meno dodici al possibile tiro del pareggio sputato dal ferro. E’ la breve sintesi della terza gara di spareggio playoff della Irritec Costa d’Orlando, superata in casa dalla Cesarano Basket Scafati dopo una gara d’inseguimento, chiusa con una furiosa rimonta non del tutto concretizzata. Con tre sconfitte sul groppone per i biancorossi in pratica finisce qui il sogno promozione anche se i valori della squadra di coach Condello non sembrano secondi a nessuno ed anche nelle ultime tre gare la compagine del presidente Giuffrè proverà a recitare la parte del team coraggioso, a partire dalla prossima trasferta campana. Il commento di coach Condello che plaude agli avversari: “Scafati è forte, lo sapevamo e ci sarà un motivo se è arrivata seconda nel gruppo campano-pugliese, il più selettivo d’Italia. C’è rammarico, sul meno tre abbiamo fallito il pareggio ed alcuni tiri da sotto. La gara si è decisa lì, poi loro sono il triplo di noi fisicamente ed hanno prevalso sotto canestro. Hanno tirato bene da tre, raddoppiavamo sotto e speravamo nei loro errori da fuori. Pazienza, cercheremo di adottare qualche variante tattica ed andare a ribaltare il gap a Scafati”.
Diciotto rimbalzi in meno per la Costa che ha pagato la differenza di centimetri ed un avversario in grande giornata fisica e motivazionale.

Vazzana al tiro

Vazzana al tiro

“Era difficile, simo rimasti in partita, il rammarico è che alcuni miei giocatori non hanno capito qual è l’aria che si respira ai playoff ed il conseguente linguaggio del corpo. Vedo delle facce passive a livello fisico ed è normale che poi subisci in partita lo strapotere ospite”.
Domenica ultima trasferta della seconda fase contro la Cesarano, poi doppio impegno casalingo con Valmontone ed Ortona.
“Ci giochiamo tutto a Scafati, bravi loro a metterci sotto. Proveremo a ribaltare il risultato, sarà dura ma non dobbiamo mollare. E’ una questione mentale, conta la testa giusta e l’atteggiamento. Poi tutto quello che verrà lo accetteremo, per noi approdare ai playoff è già un grande traguardo”.
Scafati festeggia il primo successo della fase di spareggio, risultato che la tiene in corsa per il sogno promozione. Il tecnico Luigi Iovino è soddisfatto nonostante le difficoltà registrate dell’ultimo quarto.
“E’ il leit motiv della nostra stagione, siamo arrivati qui con l’idea di giocarci tutto in quaranta minuti. Ci tenevamo a fare bene, in questo periodo si sa gli infortuni ti possono privare di scelte importanti che però non cancellano le nostre due brutte precedenti prestazioni. Oggi era una situazione complessa, era l’ultima spiaggia anche per la Costa d’Orlando che è una buona squadra. Siamo stati bravi a sfruttare il predominio fisico sotto i tabelloni, il black out finale merita riflessione e dovremo lavorarci per non vanificare quanto di buono fatto”.
41-23 a rimbalzo per Scafati, una chiave della sfida del PalaValenti.

La grinta di Antonio Fazio

La grinta di Antonio Fazio

“Avevamo programmato di andare forte a rimbalzo offensivo, la fisicità ha pagato anche con le nostre guardie. Abbiamo lasciato troppo spazio agli uno contro uno delle guardie. Adesso resettiamo tutto perché riaffronteremo i paladini domenica e sarà tutta un’altra gara”.
L’auspicio conclusivo dell’allenatore campano per una nuova ripartenza nel girone F dei playoff promozione dopo i due ko iniziali con Valmontone e Ortona.
“Dev’essere una ripartenza, vogliamo giocarci la serie B e proveremo a conquistarla sul campo. E’ un obiettivo della società e del team, lavoriamo così da inizio anno. Questa era una prova di maturità ma domenica ci aspetta un’altra battaglia”.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti