La 9^ Mostra di Arte Presepiale dell’Arcivescovado aperta fino all’11 gennaio

Stili, forme e colori diversi caratterizzano i presepi della nona Mostra di Arte Presepiale, nel percorso all’insegna della natività ospitato nei Chiostri del Palazzo Arcivescovile. L’esposizione è ad ingresso libero ed è aperta al pubblico tutti i giorni, anche a Capodanno, dalle 16.30 alle 20.00, sino all’11 gennaio 2015. È possibile concordare con gli organizzatori visite fuori orario di gruppi o scolaresche telefonando al numero 349.5612109.

I chiostri dell'Arcivescovado ospitano la nona edizione della Mostra di Arte Presepiale

I chiostri dell’Arcivescovado ospitano la nona edizione della Mostra di Arte Presepiale

Sono circa 50 le opere, per la maggior parte inedite, realizzate dai soci dell’associazione e da altri presepisti italiani. Un percorso guidato da iconografie che descrivono la storia del presepe, le origini e la sua evoluzione. Nel primo settore si trovano i presepi aperti (visibili a 360°), realizzati con diversi stili e materiali (orientale, napoletano, popolare…). Nella seconda parte i diorami, caratterizzati da un’unica veduta, da sofisticati giochi di prospettiva e luce e da figure realizzate da affermati artisti quali gli spagnoli Josè Luis Mayo, Josè Joaquin Pèrez e Martì Castells, gli italiani Alessandro Martinisi e Marco Guttilla. Nel terzo settore le sculture accompagnano i visitatori alla fine del viaggio sul filo conduttore della natività.

Alcuni dei diorami in esposizione

Alcuni dei diorami in esposizione

Tra le novità dell’edizione 2014-2015 lo spazio dedicato all’antica tradizione napoletana. È stato allestito, infatti, un grande presepe scenografico con l’ambientazione caratteristica del ‘700: la Sacra Famiglia nel tempio pagano diroccato, la scena dell’annuncio degli angeli ai pastori e la taverna con i commensali. Per il presepe napoletano sono state utilizzate figure alte 30 cm, realizzate dall’artista partenopeo Aniello Gaudino, montando testa, braccia e gambe in terracotta su un manichino, poi vestito con il tipico abbigliamento del periodo.

Il Presepe in sorteggio

Il Presepe in sorteggio

Quest’anno i visitatori della Mostra di Arte Presepiale possono ammirare anche i diorami di Guido Raccagni, uno dei più noti e apprezzati presepisti italiani. Le opere sono arrivate a Messina grazie a un accordo con la sede A.I.A.P. di Cividino-Quintano di Castelli Calepio, in provincia di Bergamo. Tra i temi dei diorami di Raccagni: la visita ad Elisabetta, il sogno di Giuseppe, la Natività, l’adorazione dei pastori, la partenza per l’Egitto e la bottega di Nazaret. L’angolo del workshop mostra infine dal vivo le tecniche utilizzate dai presepisti per realizzare le loro opere.

Il workshop con il pubblico, promosso dall'associazione che organizza un corpo per divulgare le tecniche di realizzazione dei presepi

Il workshop con il pubblico, promosso dall’associazione che organizza un corpo per divulgare le tecniche di realizzazione dei presepi

Durante la manifestazione, inoltre, è possibile acquistare i biglietti per partecipare al sorteggio del presepio, che si terrà a fine rassegna. L’11 gennaio, infatti, si svolgerà la cerimonia di chiusura della mostra, con il concerto di arpe e coro dell’Istituto Boer – Verona Trento, la consegna dei riconoscimenti agli espositori ed alle autorità presenti e l’estrazione del biglietto vincente il presepe realizzato durante il corso di arte presepiale, curato ogni anno dai soci dell’AIAP Messina.

L’esposizione è curata dalla Sede di Messina dell’Associazione Italiana Amici del Presepio, in collaborazione con la Curia Arcivescovile, ed è inserita nel programma di eventi della Rassegna “Armonie dello spirito Avvento-Natale 2014” dell’Arcidiocesi di Messina. Alla IX Mostra di Arte Presepiale partecipa per la prima volta l’Associazione Amici del Museo. L’evento è realizzato con il contributo della Presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana, l’allestimento dell’Ente Teatro di Messina ed il patrocinio gratuito dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Messina.

Commenta su Facebook

commenti