Jonica, Echeverria orgoglioso dei playoff: “Risultato storico ma non è finita”

EcheverriaEcheverria con la divisa della Jonica

Le due brutte sconfitte subite contro il Giarre e l’Igea non hanno scalfito l’entusiasmo della Jonica, pronta più che mai ad un vero e proprio appuntamento con la storia. Infatti mai fino ad ora la compagine giallorossa era arrivata al punto di giocarsi i playoff per raggiungere il massimo campionato dilettantistico. Una stagione iniziata con l’incertezza della categoria, tanto che la notizia del ripescaggio in Eccellenza è arrivata durante il secondo giorno di ritiro. Fin da subito era chiaro come la salvezza sarebbe dovuta passare attraverso prestazioni convincenti. La squadra di mister Filoramo però ha fatto subito capire di essere degna della quinta serie, proponendo un calcio aggressivo e piacevole.

Jonica

Echeverria in fase difensiva a Giarre

La lunga pausa per il Covid e la ripresa dei campionati con le retrocessioni bloccate hanno messo la società davanti a un bivio e non reputare conclusa la stagione voleva dire tentare un’impresa difficile ma non impossibile vale a dire centrare i playoff. Obiettivo raggiunto con novanta minuti d’anticipo rispetto alla regular season, nonostante il 3-0 subito a Giarre e il 4-0 incassato al D’Alcontres contro l’Igea, due ko che però non sono andati del tutto giù al difensore argentino Ramiro Echeverria: “Perdere due partite così fa male alla testa e allo spirito della squadra, anche se i risultati non rispecchiano il reale andamento. Ad esempio mercoledì siamo rimasti in partita fino al 76esimo. Non ci dobbiamo affatto demoralizzare né dimenticare chi avevamo di fronte, vale a dire due squadre costruite per vincere il campionato. Noi abbiamo iniziato la stagione con l’intento di salvarci”.

Nonostante tutto l’obiettivo playoff è stato centrato, un risultato storico per la Jonica: “Sappiamo di aver fatto qualcosa di incredibile, mai questa società era arrivata al punto di giocarsi la possibilità di raggiungere questi risultati. Io e miei compagni siamo orgogliosi di aver comunque scritto una pagina di storia importante per la Jonica. Però non dobbiamo credere che questo risultato sia un punto di arrivo ma di partenza, vogliamo giocarci tutte le chance di andare più avanti possibile, nel calcio non si può mai sapere. Ora abbiamo l’ultima partita contro il Palazzolo, dobbiamo vincere per metterci nella miglior posizione possibile in vista degli spareggi”. 

Jonica

Gli argentino Romano, Tabares ed Echeverria della Jonica

Per Echeverria a fare la differenza sarà la condizione atletica: “L’aspetto fisico sarà fondamentale, anche perché inizierà ad esserci più caldo rispetto a qualche settimana fa. Saranno partite diverse rispetto a quelle del campionato regolare, ci sarà un margine di errore ridotto, sarà importante la lucidità ma a dartela può essere solo un’eccellente condizione atletica”.

Il difensore argentino in questa stagione si è saputo anche adattare alle richieste del tecnico Filoramo: “Diciamo che ciò che mi chiede di fare il mister non è proprio congeniale alle mie caratteristiche, ma lui è l’allenatore e io sono il giocatore e quindi io devo fare ciò che mi viene chiesto. I risultati dopo tutto parlano chiaro. Il calcio del mister è intelligente e logico, ci ha permesso di arrivare sin qui e se devo fare qualche piccolo sacrificio per il bene della squadra lo faccio volentieri”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva