Il Super Green Pass obbligatorio in palestra. Esclusi solo sport individuali

green passIl controllo dei green pass in una palestra (foto Ansa)

Lunedì 10 gennaio è il giorno del super green pass anche per lo sport. Il certificato verde infatti è necessario pure per praticare almeno i tre quarti delle attività, dagli impianti di risalita sulla neve alle piscine, dalle palestre ai centri benessere, al chiuso o all’aperto, dagli sport di squadra a quelli di contatto. Praticamente restano fuori soltanto, fra gli sport più praticati, atletica, ciclismo, tennis, padel e tutta la famiglia degli sport equestri.

Covid

Una mascherina appesa su un attrezzo in palestra (foto Ansa)

Ma anche in questo caso c’è il vincolo dell’utilizzo dello spogliatoio, interdetto a chi non ha la certificazione verde “rafforzata”, già necessaria per gli spettatori di tutti gli eventi sportivi. Sui 12 milioni di tesserati (fra federazioni ed enti di promozione) si può calcolare che il provvedimento interessi 7-8 milioni di persone, molte delle quali comunque già vaccinate o guarite dal Covid negli ultimi sei mesi, le due condizioni necessarie per avere il green pass rafforzato.

La differenza rispetto al green pass base è che non vale il test di negatività al tampone effettuato nelle ultime 48, se antigenico, o 72 ore, se molecolare, prima di entrare nell’impianto. La novità inciderà soprattutto sulle fasce più giovani dove la percentuale di vaccinazione è inferiore. L’obbligo vale dai 12 anni in su e non si applica per accompagnatori di soggetti non autosufficienti.

green pass rafforzato

Nei centri sportivi è richiesto il green pass rafforzato dopo il boom di contagi (foto Ansa)

Sono esclusi anche i professionisti (calciatori fino alla serie C, cestisti di serie A, golfisti e ciclisti) che sono equiparati ai “lavoratori” dello sport. Per istruttori, allenatori, maestri sarà necessario avere il green base e non sarà chiesto il “rafforzato”. L’obbligo, invece, è richiesto per svolgere tutte le attività, anche per chi prepara eventi nazionali o internazionali. In questo caso non ci sono esenzioni.

Tutto invece ancora da capire per quanto riguarda gli sportivi che arrivano dall’estero per partecipare a manifestazioni internazionali. Su questo sono in corso alcune interlocuzioni per chiarire la possibilità o meno di deroghe, e definire le competizioni che le potranno prevedere.

The following two tabs change content below.