Il sogno diventa realtà: la Top Spin Messina vince la Coppa Italia

Top Spin MessinaLa Top Spin Messina ha vinto la Coppa Italia di tennistavolo

Un’impresa epica, il sogno che diventa realtà. La Top Spin scrive la storia e porta a Messina la Coppa Italia maschile edizione 2019. Al PalaTennistavolo “Aldo De Santis” di Terni, la squadra del presidente Giorgio Quartuccio e del tecnico Wang Hong Liang ha chiuso in maniera memorabile il suo cammino nella competizione. Anche l’ostacolo conclusivo, prima di sollevare il trofeo, è stato superato. Cinque vittorie su cinque incontri disputati, l’ultima delle quali ottenuta nella finale contro il Cral Comune di Roma, sconfitto per 3-1 dopo una “maratona” durata quasi 3 ore.

La coppia formata da Antonino Amato e Marco Rech Daldosso si è confermata imbattibile, piegando Chen Shuainan e Federico Pavan per 3-0 (11-8, 13-11, 11-7). Il più combattuto è stato il secondo parziale, in cui, dopo aver sciupato due set point ed annullatone uno agli avversari, i monumentali Amato e Rech hanno piazzato l’allungo decisivo.

Hong Liang e Quartuccio

Wang Hong Liang e Giorgio Quartuccio

Nel primo dei singolari splendida la rimonta compiuta da Jordy Piccolin contro Paolo Bisi, sconfitto per 3-2. Il bolzanino ha ceduto 2-11 nel primo set, per poi aggiudicarsi il secondo. Andato avanti per 7-2, Piccolin si è fatto recuperare sul 10-10, ma è riuscito comunque ad imporsi 13-11. Bisi ha quindi rimesso la freccia con un incredibile 15-13. Piccolin ha però reagito da campione, aggiudicandosi il quarto set per 11-7, spezzando un equilibrio durato sino al 7-7. Nel quinto l’atleta della Top Spin ha preso il largo quasi subito, chiudendolo sull’11-5. Un successo valso il complessivo 2-0 per i ragazzi guidati da Wang Hong Liang, sempre fondamentale dalla panchina.

Di fronte, a seguire, Marco Rech Daldosso e il cinese Chen Shuainan, per un’altra sfida dalle mille emozioni. Il bresciano ha vinto 11-8 il primo parziale, staccando il rivale con tre punti consecutivi dall’8-8, ma si è arreso per 5-11 e 8-11 nei successivi. Nel quarto set, conquistato per 11-9, Rech è stato sempre avanti. Nel quinto e decisivo parziale Chen ha allungato dal 5-5, vincendo 11-7 per il definitivo 3-2 e regalando a Roma la possibilità di restare in partita.

Giorgio Quartuccio

Il presidente Giorgio Quartuccio

Di nuovo in campo Jordy Piccolin, opposto a Federico Pavan. Perso per 9-11 il primo parziale, Piccolin ha giocato in maniera sontuosa il resto della gara. Chiuso il secondo set sull’11-5, Piccolin ha ripetuto il punteggio in suo favore anche nel terzo. Poi l’ultimo passo, quello che ha consegnato alla storia la Top Spin. Al comando sin dall’avvio (3-2, 7-5, 9-6), Piccolin ha fatto esultare tutti con il punto dell’11-6 che ha certificato il definitivo 3-1 contro il Cral Comune di Roma e quindi la conquista della Coppa Italia.

Gioia, applausi e tanta commozione per un traguardo storico, centrato davanti allo sportivissimo pubblico di Terni. L’immagine del trofeo sollevato dal tecnico Wang Hong Liang, dal presidente Giorgio Quartuccio e dagli atleti Marco Rech Daldosso, Jordy Piccolin, Antonino Amato e Damiano Seretti rimarrà indelebile, scolpita nella storia della Top Spin e dell’intero sport messinese.

Amato, Rech, Piccolin e Seretti

Amato, Rech, Piccolin e Seretti della Top Spin Messina

TOP SPIN MESSINA-CRAL COMUNE DI ROMA 3-1 
Antonino Amato/Marco Rech-Chen Shuainan/Federico Pavan 3-0 (11-8, 13-11, 11-7)
Jordy Piccolin-Paolo Bisi 3-2 (2-11, 13-11, 13-15, 11-7, 11-5)
Marco Rech Daldosso-Chen Shuainan 2-3 (11-8, 5-11, 8-11, 11-9, 7-11)
Jordy Piccolin-Federico Pavan 3-1 (9-11, 11-5, 11-5, 11-6)

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti