Il Rocca va contro la Sicula Leonzio con un doppio Russo

Mariano Russo esulta dopo aver steso la Sicula Leonzio con due calci di rigore

Applausi a scena aperta per l’Usd Rocca, che con una prestazione di grande sacrificio, lotta e diligenza tattica è riuscita nell’impresa di battere la blasonata Sicula Leonzio. Senza gli squalificati Lucarelli e Biondo, c’è voluto un Rocca ordinato e lucido per avere la meglio su avversari di esperienza e di lungo corso calcistico. Santino Bellinvia ha caricato i suoi nel modo giusto, riuscendo a ottenere da ognuno dei sui giocatori un grande impegno e voglia di stupire ancora. La gara era cominciata in modo nervoso e giocata a ritmi intensi. Pronti via la prima azione da rete è sulla testa di Triolo: l‘impatto sulla palla è energico ma alto sulla traversa. La Sicula Leonzio comincia a farsi pericolosa con qualche situazione interessante sulla corsie, chiuse con ordine da Miano e Russo. Al 23′ per fallo di mano in area è assegnato un calcio di rigore ai biancoazzurri. Dal dischetto lo specialista Mariano Russo è perfetto nell’aprire il piattone mettere alle spalle di Vitale, che intuisce ma non può arrivare all’angolo alla sua sinistra. La Sicula attacca senza creare troppi pericoli, mentre il Rocca con la massima concentrazione organizza una bella manovra ariosa grazie alle giocate di Venuti e Longo. Alla mezz’ora ancora occasione per Triolo che servito in area calcia male. Un minuto dopo gran bordata di esterno su punizione di capitan Chiavaro, la palla indirizzata sotto la traversa è smanacciata da Scardino in angolo. Al 40 ‘ Venuti lavora un ottimo lavoro sulla sinistra, mette al centro un cross basso e arretrato sul quale arriva D’Anna il cui sinistro impegna Vitale in intervento non semplice. Nei secondi finali del primo tempo la Sicula Leonzio sfiora il gol, su imbucata centrale gli attaccanti si trovano in due contro uno, Carbonaro fa tutto da solo, converge sul destro e calcia sul primo palo, la palla sfiora il palo a Scardino immobile. Nella ripresa la gara è scorbutica, giocata sul sottile filo del nervosismo. D’Agosta gira da terra, spalle alla porta, la palla è murata dalla difesa. Il Rocca soffre la pressione, ma la difesa é sempre perfetta grazie alla diagonali ai superlativi Galati, Russo e Miano. L’allenatore della Leonzio, Seby Catania, cala gli assi D’Amico e Frittata per potenziare un attacco al momento incapace di offendere con azioni nitide. Le squadre si allungano ed il Rocca si rende sempre ficcante nelle ripartenze, grazie al gran lavoro difensivo e alla gestione dei palloni “più caldi”di Mento e D’Anna. Schepisi al centro dell’attacco fa a sportellate mentre Venuti spostato sulla sinistra nasconde la palla agli avversari, fino a reclamare un rigore apparso netto al ’74. Nell’occasione cade male a terra con la spalla, stringe i denti ma alla fine è costretto ad uscire per Saggio. Alla distanza cresce la prestazione generale del Rocca che tiene a distanza di controllo la Sicula Leonzio, che non trova mai lo spazio per la conclusione in porta. Al 90′ D’anna cade a terra in area colpito a gioco fermo da Chiavaro, l’arbitro vede ed espelle il giocatore. Da regolamento è rigore e dagli undici metri ancora Mariano Russo non tradisce e sigla il 2-0 finale. Grande esaltazione tra i tifosi del Rocca, che hanno assistito ad una prestazione gagliarda, cucita sul un quadro tattico perfetto. Santino Bellinvia può godersi la meritata vittoria frutto della sua sagacia al cospetto delle tante oggettive difficoltà alla vigilia di questa delicata partita.

Usd Rocca

Usd Rocca

Rocca – Sicula Leonzio 2-0
Marcatore: 23’, 92′ rig. Russo (R)
Usd Rocca di Caprileone: Scardino,Russo, Longo, Galati, Segreto, Miano, D’Anna, Mento, Triolo, Venuti, Schepisi
A disposizione: Scurria, Costa, Barberi, Inzerillo, Saggio, Ceraolo Allenatore: Santino Bellinvia
Asd Sicula Leonzio: Vitale, Perla, Accardo, Mautone, Chiavaro, Librizzi, Carbonaro, Privitera, Desi, D’Agosta, Sangiorgio A disposizione: Marraffino, Ravalli, Ricceri, Bozzanga, Di Bella, Frittitta, D’Amico

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti