Il pugliese Enrico Provenzale secondo rinforzo del Cus Unime  

Una lunga militanza in A2 e tante reti all’attivo; questo il biglietto da visita di Enrico Provenzale, secondo rinforzo di spessore per il CUS Unime, che fa seguito all’ingaggio di Daniele Parisi di qualche giorno fa ed innalza ulteriormente il tasso tecnico e di esperienza del collettivo a disposizione dell’allenatore Sergio Naccari.

Barese classe ‘89, Provenzale può vantare all’attivo un centinaio di presenze in A2. Nasce, pallanotisticamente parlando, nella Bari Nuoto, plasmato dalle sapienti mani di mister Kikovic, dove ha militato per ben 7 stagioni. Poi, nell’annata agonistica 2009/2010, il passaggio alla Payton Bari e la promozione in A2, categoria nella quale giocherà per ben tre stagioni, prima con la Payton (mettendo a segno oltre 50 reti), poi con Pescara ed, infine, con la Roma Vis Nova.

pallanuoto

Sergio Naccari durante un time out

Nel 2013/2014 il ritorno a casa, per indossare la calotta della Waterpolo: prima in B e poi, ottenuta la promozione, in A2. Soddisfatto di questo nuovo innesto Naccari: “Avevamo bisogno di grande esperienza per affrontare un campionato molto duro e delicato. Dopo Parisi, quindi, aggiungiamo un altro bel rinforzo dal gol facile. Enrico lo conosciamo bene e sappiamo quanto potrà essere utile per il nostro percorso.

È un regista brevilineo, capace di giostrare ottimamente sia a destra che a sinistra dello schieramento d’attacco, dotato di un’alta media realizzativa ed in grado di schierarsi all’occorrenza anche sulle due ali. A giorni annunceremo altri due colpi di assoluto valore, tra i quali anche un centroboa, per concludere al meglio una sessione di mercato ottima”.  

“Ho scelto Messina perché conosco l’ambiente ed alcuni componenti della squadra – queste le prime impressioni di Provenzale – in particolare modo il mio grande amico Cusmano, con il quale ho avuto modo di giocare insieme già qualche anno fa nella Vis Nova. So che la Sicilia è accogliente e sono sicuro che mi ci troverò benissimo. Tra l’altro mio padre è anche di Catania! In questi giorni ho avuto modo di confrontarmi con il mister, che mi ha spiegato gli obiettivi ed i programmi e le sensazioni che ho sono positive. Speriamo, da neopromossa, di salvarci quanto prima e di toglierci anche qualche soddisfazione in più, confidando tanto anche nell’apporto del pubblico, che mi hanno detto essere sempre molto presente e numeroso. Personalmente spero di dare un contributo significativo per raggiungere gli obiettivi di squadra”.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti