Il Procuratore Federale Palazzi avrebbe ascoltato Pietro Lo Monaco sul caso Lotito

Stefano PalazziIl procuratore federale Stefano Palazzi. Il TFN ha accolto soltanto in parte le sue istanze

Rimbalza direttamente dalla Capitale un’indiscrezione secondo la quale, nel corso della scorsa settimana, il Procuratore Federale Stefano Palazzi avrebbe ascoltato il “dimissionario” presidente del Messina Pietro Lo Monaco, nell’ambito della posizione di Claudio Lotito, massimo dirigente di Lazio e Salernitana, attualmente al centro delle cronache e soltanto poche ore fa indagato per tentata estorsione in merito alle presunte pressioni esercitate su dirigenti di Lega Pro, che sarebbero stati “costretti” a votare l’approvazione di bilancio, recependo le richieste dello stesso Lotito.

Claudio Lotito

Claudio Lotito

Secondo le indiscrezioni in nostro possesso, nel corso della settimana che ha preceduto l’addio al club appena retrocesso dalla C unica alla D, ufficializzata martedì scorso in conferenza stampa al San Filippo, l’imprenditore originario di Torre Annunziata sarebbe stato ascoltato a Roma, nella sede della Procura Federale, insieme ad un altro dirigente di un club che milita nel girone A di Lega Pro.

A fare il nome di Lo Monaco, come persona in grado di fornire elementi utili sulla condotta del presidente laziale, sarebbe stato il direttore generale dell’Ischia Pino Iodice, grande accusatore di Lotito, indicato da tanti osservatori ed addetti ai lavori come dirigente fin troppo in vista, anche per via della nota vicinanza a Carlo Tavecchio, presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, e del coinvolgimento diretto nella proprietà della Salernitana neo-promossa in serie B, dove già milita il Bari, club al quale sono stati girati in prestito numerosi tesserati della Lazio.

Pietro Lo Monaco

Pietro Lo Monaco nella sala stampa del San Filippo

Già nei mesi scorsi, nel corso di alcune assemblee di Lega, Pietro Lo Monaco aveva adottato una posizione piuttosto critica nei confronti della gestione del presidente Mario Macalli, altra figura di spicco del calcio professionistico, legata sempre a Lotito e Tavecchio, a conferma di un sistema piuttosto imbalsamato e per questo sempre più oggetto di critiche oltre che delle indagini della Procura Federale.

Commenta su Facebook

commenti